100 anni: auguri Luigi Dalponte!

24/01/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

La pri­ma fes­ta è sta­ta a casa del­la nipote Gabriel­la, dove vive, ad Arco, saba­to 4 gen­naio con i par­en­ti; alle­gro, sor­ri­dente e in vena di fes­teggia­re, ha fat­to volen­tieri il «bis» nel­la mat­ti­na di giovedì 23 gen­naio, alla res­i­den­za Sacro Cuore di Bolog­nano, dove si tro­va tem­po­ranea­mente. Qui Lui­gi Aldo Dalponte, classe 1914, ha rice­vu­to la visi­ta del­l’asses­sore al bilan­cio che gli ha por­ta­to due pic­coli omag­gi e gli auguri di buon com­plean­no del­l’am­min­is­trazione comu­nale e del­la cit­tà.

Con lui la nipote Gabriel­la (che in questi giorni, non poten­do accud­ir­lo, ha approf­itta­to del­la res­i­den­za Sacro Cuore, dove Lui­gi rimar­rà anco­ra qualche tem­po) e la pronipote Mon­i­ca. A fare gli onori di casa padre Giampi­etro, al quale s’è aggiun­ta la diret­trice Bar­bara Ruf­fo.

Lui­gi Dalponte, par­ti­co­lar­mente alle­gro, ha accolto con ampi sor­risi l’asses­sore che gli ha con­seg­na­to un bigli­et­to d’au­guri del­l’am­min­is­trazione comu­nale e due omag­gi. Poi, durante il rin­fres­co offer­to dal­la res­i­den­za Sacro Cuore, ha rac­con­ta­to del­la sua vita. Orig­i­nario di Riva del Gar­da, all’età di 21 anni è sta­to costret­to ad andarsene alla ricer­ca di lavoro, meta .

«Sono par­ti­to con 100 lire in tas­ca» rac­con­ta, e per for­tu­na l’impiego l’ha trova­to: alla Caproni. Poi la par­ente­si ter­ri­bile del­la guer­ra, che per lui è dura­ta sei mesi in più: esper­to nel­la riparazione di ogni tipo di macchi­na, infat­ti, è sta­to trat­tenu­to dal­l’e­serci­to. Poi anco­ra a Milano ha lavo­ra­to in un’of­fic­i­na mec­ca­ni­ca, finché ver­so i tren­t’an­ni ha fat­to il grande pas­so: pren­dere in ges­tione l’in­tero par­co mac­chine del­la Locatel­li di Milano. Lavoro, questo, che ha svolto per cinquan­t’an­ni, anche dopo il trasfer­i­men­to a Nervi, luo­go di res­i­den­za del­la sec­on­da moglie.

Parole chiave: