1814 ‑2014 200° Anniversario della Battaglia del Mincio

Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo
Affol­latis­si­ma ieri sera, nel cen­tro di Peschiera del Gar­da che ha vis­to la parte­ci­pazione di cir­ca 500 fig­u­ran­ti in abiti stori­ci con l’ap­pronta­men­to, fun­zio­nante, di alcu­ni campi mil­i­tari, 20 pezzi di artiglieria e 20 cav­a­lieri.
Il tema di quest’an­no era lega­to al 200° anniver­sario del­la Battaglie del Min­cio del feb­braio 1084 fra le truppe ital­i­co-france­si del Viceré Euge­nio de Beauhar­nais, figlioc­cio di Napoleone, e del futuro Viceré del Lom­bar­do-Vene­to, il Con­te di Bel­le­garde al coman­do dell’esercito aus­tri­a­co.
“Al ter­mine di una gior­na­ta di aspri com­bat­ti­men­ti — scrive Wikipedia -, le due armate con­trap­poste si ritrovarono nelle posizioni iniziali di parten­za sen­za che nes­suna delle due fos­se rius­ci­ta a rag­giun­gere gli obi­et­tivi pre­fis­sati alla vig­ilia. Fu una delle battaglie tat­ti­ca­mente più inso­lite mai com­bat­tute nei fron­ti europei, dato che le due par­ti si ritrovarono a fron­teggia­r­si su ambedue le sponde del fiume Min­cio a fron­ti roves­ciati, sen­za che una si fos­se resa con­to dei movi­men­ti del­l’al­tra”.
Da ricor­dare, nel con­testo del­la man­i­fes­tazione:
un Con­veg­no di esper­ti di architet­tura mil­itare; una Mostra di Uni­for­mi Napoleoniche;
5 ricostruzioni di episo­di bel­li­ci di cui uno nel sug­ges­ti­vo sce­nario di Forte Salvi Nuo­vo; un Bal­lo Stori­co nel Par­co Cat­ul­lo con rel­a­ti­vo stage
per il pub­bli­co; le attiv­ità di due Osterie Storiche ricostru­ite fedel­mente, l’una in Por­ta Bres­cia (“Oste­ria Due Anguille”),  l’altra nell’antico locale lavan­de­ria in Piaz­za Fer­di­nan­do di Savoia (“Oste­ria delle Aquile”);
un per­cor­so di arche­olo­gia indus­tri­ale con degus­tazione negli antichi Forni de “La Roc­ca”;
Vis­ite gra­tu­ite a cura del F.A.I. Gio­vani, Del­egazione di Verona, nei luoghi più sug­ges­tivi coin­volti dal­la man­i­fes­tazione che soli­ta­mente sono chiusi al pub­bli­co.
Parole chiave: