27 biciclette ”: mostra di Eugenio Levi dal 13–28 aprile 2013

Di Luigi Del Pozzo

Presso la Galleria Civica “Gian Battista Bosio” di Piazza Malvezzi a Desenzano del Garda

Il Comi­ta­to “Desen­zano ” in col­lab­o­razione con il Comune di Desen­zano, annun­cia la real­iz­zazione del­la Mostra “27 bici­clette”, una splen­di­da rac­col­ta di dis­eg­ni, stampe, dip­in­ti su tela e su tavola aven­ti come sogget­to la bici­clet­ta e real­iz­za­ti da Euge­nio Levi tra il 1980 e il 1995.

La mostra aprirà in antepri­ma il “Fes­ti­val dell’AgriCultura” che si svol­gerà nel­la cit­tà di Desen­zano dal 26 al 28 aprile 2013, con il con­trib­u­to e la parte­ci­pazione del Comune di Desen­zano del­la Cam­era di Com­mer­cio, del­la Provin­cia di Bres­cia e di moltissime realtà oper­a­tive nell’ambito dell’agricoltura e del­lo svilup­po sosteni­bile.

Il Fes­ti­val, even­to cul­tur­ale nel­la più ampia accezione del ter­mine, coni­ugherà tradizione, soci­età urbana e soci­età rurale, in una tre giorni ded­i­ca­ta allo svilup­po sosteni­bile e alla val­oriz­zazione del­la Cul­tura agri­co­la.

Euge­nio Levi, con il suo amore per la natu­ra e per le bici­clette (ne è la dimostrazione l’ampia pro­duzione sul tema), risul­ta essere pien­amente in sin­to­nia con questo spir­i­to di ricer­ca di un mag­gior equi­lib­rio fra pro­duzione e ambi­ente, fra svilup­po e benessere, fra natu­ra e uomo.

LA MOSTRA

La mostra si com­por­rà di 20 stu­di, ovvero dis­eg­ni su car­ta, a biro o mati­ta, di pic­co­la e media dimen­sione: opere prepara­to­rie in fun­zione di real­iz­zazioni mag­giori. Estrema­mente inter­es­san­ti per la loro qual­ità grafi­ca e per la com­pren­sione del proces­so cre­ati­vo nel suo insieme.

Non mancher­an­no opere su tela o su tavola di gran­di dimen­sioni, ben 20,

prove­ni­en­ti da collezioni pri­vate: enor­mi bici­clette legate a gan­ci sul sof­fit­to o cir­con­date da oche e galline, sot­to i por­ti­ci del­la stazione o legate a un lam­pi­one la sera.

Fra i pezzi più noti e conosciu­ti, “il ban­di­to e il cam­pi­one” con i tre bozzetti prepara­tori. L’ opera, delle dimen­sioni di cm 145x300, è ispi­ra­ta all’omon­i­ma can­zone di Francesco De Gre­gori, e fu inseri­ta nel­la mostra “La pit­tura è musi­ca, la musi­ca è pit­tura” intera­mente ded­i­ca­ta al can­tau­tore e pre­sen­ta­ta nel luglio del 1995, in col­lab­o­razione con l’Assessorato alla Cul­tura del Comune di Roma, a Palaz­zo delle Espo­sizioni.

In mostra sarà pre­sente anche la bici­clet­ta verde orig­i­nale riprodot­ta nel dip­in­to.

Un’al­tro ele­men­to inter­es­sante sarà il fram­men­to del­l’­opera “Un dis­cor­so qua­si inter­rot­to”, delle dimen­sioni di cm 50x300 (l’opera com­ple­ta è cm 50x1800); un roto­lo di car­ta spolvero con dip­in­ti e dis­eg­ni ispi­rati sem­pre dalle can­zoni di Francesco De Gre­gori e da rif­les­sioni sug­li avven­i­men­ti sociali del nos­tro tem­po.

La mostra è com­ple­ta­ta da due stampe, una a col­ori e una in scala di gri­gio, in tiratu­ra lim­i­ta­ta: ne sono sta­ti prodot­ti 10 esem­plari, cinque dei quali ver­ran­no mes­si in ven­di­ta in occa­sione del­la mostra.

La mostra inau­gur­erà saba­to 13 aprile alle ore 18.00 pres­so la Gal­le­ria Civi­ca “Gian Bat­tista Bosio” di Piaz­za Malvezzi a Desen­zano, con la pre­sen­za e il con­trib­u­to dell’amica Car­la Boroni (attuale Pres­i­dente del Cen­tro Teatrale Bres­ciano).

Al ter­mine un brin­disi con i prodot­ti del ter­ri­to­rio e le note offerte dai tal­en­tu­osi allievi del­la .

La mostra resterà aperta fino a domenica 28 aprile con i seguenti orari:
martedì 10.30–12.30 – venerdì 16.00–19.00
sabato e festivi 10.30–12.30 e 16.00–19.00
Ingresso libero