300 posti auto in più all’ex Cattoi

30/08/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Si con­clude ven­erdì 29 agos­to la gran parte dei lavori di sis­temazione del­l’area «ex Cat­toi», dove APM con la col­lab­o­razione del cantiere comu­nale ha rip­uli­to la parte Sud del­l’area e gli immo­bili com­pre­si dal­la veg­e­tazione, dai rifiu­ti abban­do­nati e dai diver­si mate­ri­ali deposi­tati negli anni, derivan­ti anche da una serie di crol­li di edi­fi­ci dismes­si, eseguen­do alcune demolizioni di par­ti di edi­fi­ci peri­colan­ti. I lavori han­no por­ta­to ad un più adegua­to deco­ro, ma anche una migliore fruibil­ità del parcheg­gio, con nuovi spazi a dis­po­sizione (per cir­ca 300 posti auto, disponi­bili già da saba­to 30 mag­gio, in tem­po per la ), oltre alla certez­za di un cor­ret­to uti­liz­zo e di un più agev­ole con­trol­lo, per i quali saran­no instal­lati a breve un nuo­vo impianto d’il­lu­mi­nazione e uno di videosorveglianza.

I lavori sono iniziati mart­edì, in tem­pi bre­vi dopo che solo il 13 agos­to era per­venu­ta al Comune di Riva del Gar­da la comu­ni­cazione uffi­ciale del­la pro­pri­età del­l’au­tor­iz­zazione ad eseguire l’in­ter­ven­to. L’in­ter­ven­to cam­bia rad­i­cal­mente l’aspet­to di quel­la parte del com­pen­dio, ren­den­do più fruibile tut­ta l’area e con­sen­ten­do­ci anche un aumen­to del­lo spazio a dis­po­sizione di APM. L’am­min­is­trazione comu­nale sta val­u­tan­do la pos­si­bil­ità di una piantu­mazione, da real­iz­zare con diverse essen­ze, allo scopo di atten­uare l’im­pat­to visi­vo degli edi­fi­ci dismessi.

L’area è a dis­po­sizione del Comune di Riva del Gar­da dal 2003: inizial­mente si trat­ta­va del­la sola parte a Nord, poi pro­gres­si­va­mente este­sa, in sègui­to ad una serie di demolizioni di edi­fi­ci abban­do­nati, fino all’esten­sione attuale. La pro­pri­età, che ne con­cede l’u­ti­liz­zo con un con­trat­to di comoda­to gra­tu­ito, ha recen­te­mente acconsen­ti­to alla richi­es­ta del Comune di Riva del Gar­da di inter­venire a sis­temare l’area Sud, da tem­po in sta­to di degra­do, e ha autor­iz­za­to (con una comu­ni­cazione uffi­ciale che, come det­to, è per­venu­ta il 13 agos­to) l’ac­ces­so anche alla parte del com­pen­dio occu­pa­ta dagli edi­fi­ci dismes­si anco­ra pre­sen­ti (prece­den­te­mente esclusa dal comoda­to e quin­di non acces­si­bile), per effet­tuare inter­ven­ti che ne miglior­i­no la pub­bli­ca fruizione.

Parole chiave: