I 400 anni della Collegiata

13/12/2013 in Libri
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Sono sta­ti ricor­dati il mese scor­so, ad Arco, i 400 anni del­la Chiesa del­la Col­le­gia­ta. A cui è sta­to ded­i­ca­to anche un vol­ume di sto­ria, doc­u­men­ti e immag­i­ni a col­ori: “La fab­bri­ca del­la Col­le­gia­ta” fir­ma­to da Romano Tur­ri­ni, Gian­car­la Tognoni e Tana Vaclaviko­va (per la parte ceca), edi­to da Il e dal comune di Arco.

Il libro va a ritroso nel tem­po fino agli albori di quel­la che anco­ra oggi viene ricor­da­ta come un’­op­er­azione ambiziosa, viste le dimen­sioni del­la chiesa in raf­fron­to al cen­tro stori­co che la cir­con­da. Bas­ta salire sull’olivaia, infat­ti, per ammi­rare dal­l’al­to le spro­porzioni fra la chiesa e gli altri edi­fi­ci del­la cit­tà. Sarà dunque l’oc­ca­sione per conoscere le dif­fi­coltà che dovet­tero affrontare gli arcensi per real­iz­zare un’­opera che all’epoca era sem­bra­ta a dir poco titan­i­ca.

Collegiata ok

La dimen­sione di questo mon­u­men­to, che res­ta, dopo il castel­lo, il più riconosci­bile a chi giunge in cit­tà da fuori, colpì anche numerosi illus­tra­tori che raf­fig­u­rarono Arco a par­tire dal­la metà del XVII sec­o­lo. Ma nel libro “La fab­bri­ca del­la Col­le­gia­ta. Vicende e per­son­ag­gi legati alla costruzione del­la Col­le­gia­ta di Arco a 400 anni dal­la posa del­la pri­ma pietra (7 novem­bre 1613 – 7 novem­bre 2013)” si va anche alla scop­er­ta di un per­son­ag­gio stori­co fino ad ora rimas­to nel­l’om­bra, Gio­van­ni Vin­cen­zo d’Arco, uno dei con­ti d’Ar­co che a det­ta degli stes­si autori potrebbe super­are, in ter­mi­ni di impor­tan­za stor­i­ca, persi­no il tan­to decanta­to Nicolò d’Arco.

Parole chiave: