Festa grande per la comunità Parrocchiale di Pozzolengo domenica 16 marzo

50° di sacerdozio

12/03/2003 in Religione
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

La San­ta mes­sa delle 9 sarà cel­e­bra­ta da Don Anto­nio Fac­ci . Per Don Anto­nio ques­ta Mes­sa ha un sapore par­ti­co­lare : infat­ti è la cel­e­brazione che ricor­da il suo 50° di sac­er­dozio . Ma per­ché Don Anto­nio Fac­ci attuale par­ro­co di Novaglie ( VR ) viene a cel­e­brare il suo 50° di sac­er­dozio a Poz­zolen­go ? Poz­zolen­go , fa parte del­la Dio­ce­si di Verona e nel lon­tano 1954 alla morte del par­roc­co Don Emilio Zop­pi ( gen­naio 1953 ) con l’avvento del nuo­vo Par­roc­co Don Arman­do Scat­oli­ni , come aiu­to ( cura­to ) venne a Poz­zolen­go Don Anto­nio Fac­ci . Era un sac­er­dote “ ordi­na­to “ fres­co , fres­co e l’ameno paese col­linare era la pri­ma tap­pa del suo cam­mi­no eccle­siale . A Poz­zolen­go Don Anto­nio si fece ben vol­ere , soprat­tut­to dai gio­vani e quan­do quat­tro anni dopo nel 1958 fu comanda­to a reg­gere una Par­roc­chia impor­tante come quel­la del “ Tem­pio Voti­vo “ nel­la zona del­la Stazione fer­roviaria , unanime fu il rimpianto per la sua parten­za , anche se in un cer­to sen­so la gente , i gio­vani furono feli­ci per la “ pro­mozione da sem­plice col­lab­o­ra­tore del Par­roc­co a Par­roc­co . Dopo l’esperienza al Tem­pio Voti­vo ( zona alquan­to dif­fi­cile ) , Don Anto­nio fu manda­to alla fine degli anni ses­san­ta a gestire la Par­roc­chia di Pel­le­g­ri­na ver­so il con­fine man­to­vano . Infine a Novaglie . Ma per la cel­e­brazione del suo 50° di mat­ri­mo­nio con la Chiesa , Don Anto­nio ha volu­to ritornare nel pic­co­lo paese bres­ciano che lo ave­va vis­to pretino imberbe , iniziare i pri­mi pas­si di un lun­go cam­mi­no spes­so irto di sac­ri­fi­ci e dif­fi­coltà del suo impeg­no pas­torale .