Studenti di Rosenheim in visita a Lazise per scoprire il mestiere del pescatore

10/04/2019 in Attualità
A Lazise
Parole chiave:
Iscriviti al nostro canale
Di Sergio Bazerla

Diciannove studentesse della Realschule di Rosenheim sono ospiti dell’Istituto comprensivo Falcone-Borsellino e di alcune famiglie della seconda media locale nel programma di interscambio culturale fra Lazise e Rosenheim, la città bavarese gemellata da oltre quarant’anni con la cittadina gardesana.

Uno dei momenti topici della permanenza a Lazise delle studentesse tedesche è stato l’incontro con il sindaco Luca Sebastiano ed alcuni amministratori locali alla Dogana Veneta per scoprire sia la civiltà lacisiense che la professione più antica esercitata a Lazise, ovvero la pesca.

Dopo la presentazione del sindaco, dove ha ribadito la storia di Lazise evidenziando la primogenitura di ” ibero comune” grazie al Diploma di Ottone II° nella Dieta di Verona, gli studenti italiani e tedeschi hanno incontrato Eugenio Azzali e Gino Barato che hanno presentato loro come si viveva a Lazise prima dell’avvento frenetico del turismo, in particolare di quello tedesco. La pesca era l’attività principale.

A far loro da traduttore simultaneo è stato Matteo Jachuert che è nato a Lazise ed a Lazise vive ed opera.

Azzali e Barato hanno presentato agli studenti la barca Nereide che da anni fa bella mostra all’interno della Dogana Veneta.  E’ una barca tipica, messa in acqua dal nonno di Eugenio Azzali nel lontano 1875 e rappresenta ormai l’unica vera imbarcazione di tipo veneziano.

Contemporaneamente Gino Barato ha presentato agli studenti, con dovizia di particolari, le reti, i pesi, le fiocine, gli strumenti operativi per la pesca nelle acque del lago. Alcuni pezzi sono davvero rari ed ormai introvabili. Nel contempo sono stati presentati dei resti dei pali di palafitte che sono stati rinvenuti nelle acque antistanti il porto vecchio e che testimoniano la presenza di vita ancora nella preistoria lacuale.

“E’ un momento molto affascinante per loro- ha spiegato la professoressa Gabriele Cilwa – perché le ragazze tedesche non sono mai state sul Garda e non hanno mai visto tanta storia e tanta bellezza. Sono quindi anni che intratteniamo rapporti con la scuola di Lazise, ma soprattutto con i ragazzi che frequentano la scuola musicale a Rosenheim. Per loro è la prima volta.”

“Si da tre lustri siamo in continuo scambio culturale con la scuola musicale – spiega la docente di Lazise Lauretta Donati – e i rapporti sono meravigliosi. Noi saremo da loro per 5 giorni dal 2 al 8 dicembre prossimi. Anche queste studentesse della Realschule ci stiamo rapportando molto bene. E’ davvero stupendo avere queste scambi culturali che ci arricchiscono in maniera più che mai soddisfacente e che  nostri ragazzi amano davvero implementare in continuazione. Un segno più che mai eloquente di essere europei.”

 

Parole chiave:

Commenti

commenti