Si sta svolgendo in questi giorni presso Villa Brescianelli un corso rivolto ai Volontari del Soccorso di Croce Rossa, per la formazione di istruttori per le attività sociali.

A Castiglione un corso nazionale Croce Rossa per istruttori sociali

Di Luca Delpozzo
Elia Botturi

Si sta svol­gen­do in questi giorni pres­so Vil­la Bres­cianel­li un cor­so riv­olto ai Volon­tari del Soc­cor­so di Croce Rossa, per la for­mazione di istrut­tori per le attiv­ità sociali. Fino a domeni­ca 2 dicem­bre, un paio di del­e­gati per ogni regione ital­iana seguiran­no lezioni di docen­ti ed esper­ti per acquisire com­pe­ten­ze speci­fiche da trasmet­tere poi ad altri volontari.Fino a poco tem­po fa, questo cor­po del­la Croce Rossa era chiam­a­to a rispon­dere soprat­tut­to a neces­sità di ordine san­i­tario. Ora si fa sem­pre più pres­sante la richi­es­ta di “sociale”, dovu­ta alle diverse e mutate esi­gen­ze socio-eco­nomiche e politiche del Paese. Pro­prio per avere per­son­ale che sia prepara­to ad occu­par­si del soc­cor­so sociale, è sta­ta orga­niz­za­ta una set­ti­mana di stu­dio, il cui pro­gram­ma deno­ta un par­ti­co­lare taglio, che con­sen­tirà di pot­er dis­porre di volon­tari qual­i­fi­cati e capaci di trasmet­tere le conoscen­ze ad altri mem­bri di Croce Rossa. Le lezioni che si stan­no svol­gen­do sono sud­di­vise in for­mazione di base e for­mazione speci­fi­ca. Il pri­mo grup­po è a sua vol­ta arti­co­la­to. Anz­i­tut­to le attiv­ità sociali, con inseg­na­men­ti come sto­ria ed evoluzione del­l’azione sociale, con­testo leg­isla­ti­vo e isti­tuzionale, eti­ca e deon­tolo­gia del volon­tari­a­to. Poi le attiv­ità sociali nel­la Croce Rossa, con rifer­i­men­ti al movi­men­to inter­nazionale. Inoltre la piani­fi­cazione delle attiv­ità, gli aspet­ti relazion­ali e la didattica.