Niente da fare per il requisito della priorità ai vecchi concessionari di posti barca previsto dal regolamento del Comune di Desenzano.

A Desenzano nessun vantaggio per i vecchi assegnatari di attracchi

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.to.

Niente da fare per il req­ui­si­to del­la pri­or­ità ai vec­chi con­ces­sion­ari di posti bar­ca pre­vis­to dal rego­la­men­to del Comune di Desen­zano. Per l’asseg­nazione degli ormeg­gi tut­ti i cit­ta­di­ni che han­no pre­sen­ta­to doman­da, ovvi­a­mente nei ter­mi­ni e con i req­ui­si­ti-base in rego­la, par­ti­ran­no in lin­ea. Sen­za alcun priv­i­le­gio. E’ questo il sen­so del­la rispos­ta for­ni­ta dal­l’Ore­co, l’Organo di con­trol­lo regionale, al Comune di Desen­zano che, come si ricorderà, ave­va introdot­to questo prin­ci­pio, defini­to dal Codice di «dirit­to di insis­ten­za» nel rego­la­men­to di asseg­nazione dei posti bar­ca in con­ces­sione per il tri­en­nio 2001–2003. «Ma i diportisti pos­sono star tran­quil­li — spie­ga l’asses­sore Gio­van­ni Venieri — per­chè entro fine mese la grad­u­a­to­ria dovrebbe essere pronta. L’e­same delle domande comi­in­cerà subito, non voglio sbi­lan­cia­r­mi ma cre­do che ci siano parec­chie domande fasulle: comunque, stare­mo con gli occhi aper­ti». Il prin­ci­pio dell’«insistenza», che con­sente all’am­min­is­trazione conce­dente di ris­er­vare il pos­to a chi ne ave­va già fat­to uso l’an­no prece­dente qualo­ra si trovasse a par­ità di dirit­ti con un nuo­vo richiedente, era sta­to inser­i­to anche da altri Comu­ni nei rispet­tivi rego­la­men­ti, e perfi­no dal­la Comu­nità Alto Gar­da che accor­pa diver­si Comu­ni. Ovvi­a­mente, si affievolis­cono le sper­anze dei vec­chi asseg­natari di ormeg­gi di pot­er ottenere il riconosci­men­to anche nel prossi­mo tri­en­nio. A questo pun­to risul­terà deter­mi­nante il con­trol­lo da parte dei Vig­ili urbani sul­la veridic­ità delle domande pervenute.

Parole chiave: