I problemi di bilancio costringono la Giunta ad aumentare anche l’addizionale Irpef

A Desenzano nuovi parcheggi a pagamento

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.to.

Ieri sera sec­on­da sedu­ta del Con­siglio comu­nale di Desen­zano. In sce­na è anda­to il bilan­cio di pre­vi­sione e il Piano tri­en­nale delle opere pub­bliche. «Per la sec­on­da vol­ta con­secc­u­ti­va approvi­amo il bilan­cio entro il 31 dicem­bre — ha esor­di­to l’asses­sore Mario Mar­chioni — ma dob­bi­amo anche puntare l’indice, per l’en­nes­i­ma vol­ta, con­tro il Gov­er­no per­chè costringe i Comu­ni ad aumentare la cop­er­tu­ra delle spese. L’al­ter­na­ti­va res­ta dunque il ritoc­co di tasse e tar­iffe. «Bas­ta pen­sare che, rispet­to al ’94 quan­to lo Sta­to ero­ga­va 175 mila lire per cit­tadi­no (trasfer­i­men­ti statali ai comu­ni), oggi, al net­to del­l’I­rap, siamo sce­si a 66 mila. Per essere chiari ver­so i cit­ta­di­ni — ha aggiun­to — i trasfer­i­men­ti statali copri­vano le spese per il 19%, oggi siamo al 3,4%». Dopo l’in­tro­duzione polit­i­ca, l’asses­sore al Bilan­cio ha pas­sato in rasseg­na le oper­azioni strate­giche per la Giun­ta Anel­li: l’au­men­to del­lo 0,2% del­l’ad­dizionale Irpef e l’is­ti­tuzione di nuovi parcheg­gi a paga­men­to. Dal­la pri­ma, si con­ta di ricavare 1 mil­iar­do e 100 mil­ioni, dal­la sec­on­da almeno 1 mil­iar­do e 600 mil­ioni. Tan­to bas­ta — ha spie­ga­to Mar­chioni — per coprire il buco deter­mi­na­to dai man­cati trasfer­i­men­ti statali nel 2001. Quan­to ai servizi a doman­da indi­vid­uale, fini­ti di recente nel vor­tice di polemiche, Mar­chioni ha det­to: «I nos­tri servizi ci costano tan­tis­si­mo, e la cop­er­tu­ra da parte degli uten­ti è irriso­ria, al resto deve pen­sare l’am­min­is­trazione. Ecco alcune cifre: per il nido la cop­er­tu­ra è del 36%, per i cen­tri di aggregazione del 28% e per il trasporto sco­las­ti­co del 21%!». Un bilan­cio aus­tero, dunque. Per­chè, ad esem­pio, al Tur­is­mo ver­ran­no tolti qua­si 500 mil­ioni? Come farà l’asses­sore ad alle­stire man­i­fes­tazioni? «Si dovran­no reperire degli spon­sor — ha rispos­to Mar­chioni — per­chè non si pote­vano ridurre i servizi per gli anziani». Nel cam­po degli inter­ven­ti pub­bli­ci, la Giun­ta di cen­trode­stra ha real­iz­za­to nel 1999 il 60% delle opere pro­gram­mate. Tra le prossime da real­iz­zare, gli inter­ven­ti sug­li impianti sportivi di S. Mar­ti­no, il mar­ci­apie­di di via Col­li Stori­ci, il pri­mo stral­cio del lun­go­la­go di Desen­zano, il recu­pero del­l’ex macel­lo, la passeg­gia­ta a lago di Riv­oltel­la, il nuo­vo cen­tro sem­pre nel­la frazione, anco­ra l’inizio dei lavori in via Venezia, il Par­co delle Piscine e il com­ple­ta­men­to del­la Spi­ag­gia d’Oro e del cen­tro bal­n­eare di Riv­oltel­la. Infine, la sicurez­za del cit­tadi­no. Ver­ran­no assun­ti 4 vig­ili urbani che porter­an­no l’or­gan­i­co a 28 unità. Quin­di, ver­ran­no assi­cu­rati turni con­tinui dalle 7 all’1 di notte, tut­ti i giorni del­l’an­no. E, per finire, decine di tele­camere per pre­venire fur­ti e atti di vandalismo.

Parole chiave: