A Malcesine dal 12 al 23 dicembre apre la mostra fotografica “Intramura”

07/12/2015 in Attualità, Mostre
Di Redazione

Il tito­lo prende a pretesto una poe­sia del 1921, dal tito­lo “I Limoni” pre­sente nel­la rac­col­ta “Ossi di sep­pia” (usci­ta nel 1925), di Euge­nio Mon­tale.

INTRAMURA, mostra fotografi­ca ded­i­ca­ta al ter­ri­to­rio del Monte ed alla sua piana, nasce da una intu­izione di alcune per­sone (Graziano Con­cari, Luca Tac­coni, coor­di­na­tore del prog­et­to Intra­mu­ra e Mar­co Testi) che for­mano con altre amiche ed ami­ci capri­ne­si, e non solo, il nucleo fon­dante del “Comi­ta­to per la cos­ti­tuzione del­la Fon­dazione ex Macel­lo Bene Comune”.

La “Fondazione”è una intu­izione di alcu­ni capri­ne­si che stan­no operan­do per cos­ti­tuir­la, diven­tarne anche i “pro­tag­o­nisti del restau­ro” e del suo ri-uti­liz­zo come spazio poli­va­lente per lo svilup­po delle arti cul­tur­ali, per un pos­si­bile nuo­vo “oper­are” nel ter­ri­to­rio, e leg­gere lo stes­so con “nuovi occhi e sen­tire”.

INTRAMURA è una delle inizia­tive inserite nel prog­et­to di pre­sen­tazione del­la Fon­dazione denom­i­na­to “l’anima pri­ma del cor­po”, cioè la real­iz­zazione di fat­ti ed even­ti per fare conoscere le poten­zial­ità di questo prog­et­to.

La mostra è frut­to del­la col­lab­o­razione con cinque artisti (alcu­ni pro­fes­sion­isti dell’arte fotografi­ca, altri “dilet­tan­ti in car­ri­era”) che han­no pre­so in esame alcu­ni luoghi sig­ni­fica­tivi da pun­to di vista architet­ton­i­co ed ambi­en­tale del Bal­do e del­la piana capri­nese. Con le loro fotografie “fer­mano” le per­sone a riflet­tere su tutte le pos­si­bili con­nes­sioni tra architet­tura, ambi­ente, vec­chie pro­fes­sioni e il nos­tro “nuo­vo mon­do”.

Il mer­i­to di questi fotografi (G. Cau­rla, C. Del­la Bernar­di­na, V. Gradizzi, F. Tren­ti­ni. E. Vigna) è di aver posato il loro sguar­do umano e tec­ni­co per “leg­gere” il luo­go fino in fon­do e non lim­i­tan­dosi alla super­fi­cial­ità del­la sem­plice visione.

Una por­ta si apre ed emer­gono, final­mente ai nos­tri occhi, tesori che, spes­so, non si riescono a vedere per un vivere quo­tid­i­ano che pone lo sguar­do “oltre” e non su quel­lo che ci cir­con­da. Una ric­ca serie di sag­gi crit­i­ci

a cura di (Daniela Zumi­ani, Graziano Con­cari, Giu­liano Sala, Luca Tac­coni con Mar­co Testi, com­ple­ta un cat­a­l­o­go, grafi­ca­mente, molto attraente e pieno di con­tenu­ti.

La Mostra è pro­mossa gra­zie all’indispensabile col­lab­o­razione: dell’Istituto Com­pren­si­vo di Mal­ce­sine, dell’Amministrazione Comu­nale (Asses­so­ra­to alla Cul­tura) e del­la Comu­nale di Mal­ce­sine.

Infor­mazioni gen­er­ali

- La mostra è aper­ta dal 12 al 23 dicem­bre 2015 pres­so la Scuo­la sec­on­daria di Mal­ce­sine

- Sono pre­viste per gli alun­ni delle scuole di Mal­ce­sine ed un breve cor­so di for­mazione sul­la e sul “sen­so del­la mostra” per gli inseg­nan­ti

- La gior­na­ta di for­mazione è pre­vis­to per ven­erdì 11 dicem­bre (infor­mazioni pres­so la scuo­la media).

- Inau­gu­razione saba­to 12 dicem­bre alle ore 11.00