Il collegamento in diretta audio e video su maxischermo grazie al supporto del Gruppo radioamatori. L’Arma aeronautica si metterà in contatto con la stazione orbitante Iss

A Peschiera arrivano i saluti dallo spazio

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Massimo Zuccotti

L’As­so­ci­azione Arma Aero­nau­ti­ca Nucleo di Peschiera del Gar­da, sta ver­i­f­i­can­do la pos­si­bil­ità di met­tere in atto un even­to alquan­to sin­go­lare: un col­lega­men­to in diret­ta audio e video, nien­te­meno che con la nuo­vis­si­ma stazione spaziale orbi­tante inter­nazionale conosci­u­ta con l’ab­bre­via­ti­vo ISS. Forse meno conosci­u­ta del­la mit­i­ca stazione sovi­et­i­ca MIR, da poco fat­ta pre­cip­itare nel­l’o­ceano per lim­i­ti di anzian­ità, la ISS è una vera e pro­pria cit­tadel­la tec­no­log­i­ca del­lo spazio. Attual­mente in fase di costruzione con step mod­u­lari, la stazione inter­nazionale fra qualche anno sarà la più grande opera real­iz­za­ta dal­l’uo­mo al di fuori del­l’at­mos­fera ter­restre. Alla data odier­na sono già oper­a­tivi alcu­ni mod­uli abit­abili, uno dei quali fu dimo­ra alcune set­ti­mane fa del­la «gita» spaziale del mil­iar­dario amer­i­cano Den­nis Tito, lan­ci­a­to nel­lo spazio gra­zie al sup­por­to del vet­tore rus­so Soyuz. La ISS è infat­ti in gra­do di attrac­care sia la navet­ta amer­i­cana Shut­tle che il cor­rispon­dente vei­co­lo di matrice rus­sa. Il prog­et­to ISS prevede una nutri­ta serie di mis­sioni spaziali, medi­ante le quali la costruzione orbi­tante sarà por­ta­ta al gran com­ple­to. L’or­bi­ta di sor­vo­lo prevede un pas­sag­gio cicli­co del­la stazione spaziale sul­la ver­ti­cale di Peschiera: il tran­si­to a vista nel­la vol­ta celeste lacus­tre, dura medi­a­mente non più di qualche min­u­to. Nelle not­ti stel­late, quan­do la ISS è illu­mi­na­ta dal sole al di fuori del cono d’om­bra del­la ter­ra, è pos­si­bile ved­er­la chiara­mente da ter­ra come un proi­et­tile alta­mente lumi­noso che var­ca il cielo da un estremo all’al­tro del­l’oriz­zonte. L’idea degli avi­a­tori di Peschiera sarebbe ques­ta: nei pochi minu­ti di tran­si­to sul­la cit­tad­i­na, in occa­sione delle prossime mis­sioni Shut­tle, tentare un col­lega­men­to audio-video con gli astro­nau­ti a bor­do. Alla Nasa si stan­no adde­stran­do per la mis­sione Shut­tle dei piloti del­l’Aero­nau­ti­ca Mil­itare Ital­iana, che potreb­bero essere a bor­do in una delle prossime mis­sioni, come avvenu­to in pas­sato con l’i­tal­iano Mau­r­izio Che­li, ex pilota del Ter­zo Stor­mo di Vil­lafran­ca. L’even­tuale ital­iano a bor­do, autor­iz­zazioni per­me­t­ten­do, sarebbe il logi­co inter­locu­tore per il salu­to spaziale. Tec­ni­ca­mente l’or­ga­niz­zazione sarebbe avvin­cente: gra­zie al sup­por­to del Grup­po radioam­a­tori di pro­tezione civile, autor­iz­za­ti all’u­ti­liz­zo di fre­quen­ze min­is­te­ri­ali, sareb­bero instal­late le apparec­chia­ture e le gen­erose antenne diret­tive per assi­cu­rare il col­lega­men­to audio. L’as­trofisi­co Pao­lo Bus­so­la, diret­tore del Cen­tro ricerche astro­ra­dio, attiverebbe un canale video via rete inter­net, in gra­do di proi­ettare su un maxi scher­mo le immag­i­ni prove­ni­en­ti dal­l’in­ter­no del­la ISS. Tali immag­i­ni sareb­bero invi­ate diret­ta­mente da Cape Canaver­al con un canale crip­ta­to apposi­ta­mente real­iz­za­to per la ser­a­ta. Gli astro­nau­ti sareb­bero così in gra­do di salutare la cit­tad­i­na di Peschiera da oltre 400 km di altez­za, con tan­to di salu­to di ritorno che potrebbe essere rilan­ci­a­to dal sin­da­co Bruno Dal­la Pel­le­g­ri­na, a rap­p­re­sen­tan­za isti­tuzionale del­la cit­tad­i­na. Bre­vi istan­ti ma di indis­cutibile fas­ci­no e richi­amo. Sul­la fat­tibil­ità tec­ni­ca del­l’even­to, mer­coledì sera il pres­i­dente degli avi­a­tori Enzo Mon­i­co ha tenu­to un incon­tro pre­lim­inare ris­er­va­to con alcu­ni tec­ni­ci oper­an­ti nel set­tore aerospaziale; potrebbe anche ver­i­fi­car­si la neces­sità di un incon­tro a breve pres­so il Cen­tro Spaziale di Cape Canaver­al in Flori­da: se i vari brief­ing daran­no esi­to pos­i­ti­vo, il prog­et­to sarà uffi­cial­mente pre­sen­ta­to alle autorità com­pe­ten­ti. Nel­la migliore delle ipote­si, Peschiera potrebbe salutare lo spazio già nei prossi­mi mesi.

Parole chiave:

Commenti

commenti