La frazione dimenticata? Sindaco e Giunta rispondono alle accuse con le cifre. Lavori, bilancio positivo: «Di cosa si lamenta Roveri?»

«A Rivoltella spesi 32 miliardi»

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

«Dal momen­to del suo inse­di­a­men­to l’Am­min­is­trazione comu­nale di Desen­zano ha real­iz­za­to o sta per real­iz­zare opere per cir­ca 32 mil­iar­di di lire». La con­statazione viene fat­ta dal sin­da­co Cino Anel­li, dal­l’in­tera Giun­ta e dai con­siglieri di mag­gio­ran­za in rispos­ta alle dichiarazioni fat­te al nos­tro gior­nale da Gior­dano Roveri, rap­p­re­sen­tante di Forza Italia di Riv­oltel­la, sec­on­do cui «la giun­ta Anel­li avrebbe mostra­to dis­at­ten­zione ai prob­le­mi del­la popolosa frazione». Nel lun­go elen­co che Anel­li e la mag­gio­ran­za ten­gono a far conoscere tro­vi­amo il cen­tro sociale, la scuo­la media e il cen­tro di aggregazione (già ulti­mati), quin­di le opere real­iz­zate: asfal­tatu­ra delle strade, la rota­to­ria di via Gio­van­ni XXIII, il trat­to di pista , l’ac­que­dot­to alla Tassi­nara, il cen­tro bal­n­eare del­la Spi­ag­gia d’Oro, il mar­ci­apiede di viale Agel­lo, le aiuole in via Par­roc­chiale, il riordi­no del­la zona di Bor­go di Sot­to e via Agel­lo, la piazzetta davan­ti alla Chiesa di S.Biagio, il rifaci­men­to del tet­to del­la chieset­ta di Madon­na del­la Vil­la, la piattafor­ma eco­log­i­ca delle Quaine, infine gli inse­di­a­men­ti di edilizia res­i­den­ziale pub­bli­ca e popo­lare. I prossi­mi inter­ven­ti in pro­gram­ma riguardano invece: il nuo­vo sot­topas­so fer­roviario di via Pratomag­giore, la passeg­gia­ta a lago, la nuo­va sede , il parcheg­gio pub­bli­co vici­no al res­i­dence «I Teatri» e la rota­to­ria con mar­ci­apie­di in via Col­li Stori­ci. Sen­za con­tare, pros­egue la Giun­ta, i mer­cati, le mostre, i con­cer­ti e i sig­ni­fica­tivi con­tribu­ti alle asso­ci­azioni sportive. Con­to totale del­la «spe­sa»: cir­ca 32 mil­iar­di. A questo pun­to Anel­li e i col­leghi di Giun­ta si chiedono «cosa abbia da lamen­tar­si Roveri, che invece in più di una occa­sione pub­bli­ca­mente non ha cer­to risparmi­a­to toni arro­gan­ti ed aggres­sivi ver­so gli ammin­is­tra­tori ind­i­riz­zan­do in modo osses­si­vo la dis­cus­sione solo sug­li argo­men­ti di suo inter­esse a scapi­to del dial­o­go costrut­ti­vo». Ma la Giun­ta fa un’al­tra con­sid­er­azione. «Se questo è l’inizio del­la cam­pagna elet­torale e qual­cuno intende con­durla solo den­i­gran­do il lavoro del sin­da­co e del­la giun­ta o, peg­gio, colpen­do i sin­goli asses­sori nela sper­an­za di indi­vid­uare pun­ti deboli (il rifer­i­men­to è all’asses­sore riv­oltellese , ndr.) per creare spac­ca­ture e con­trap­po­sizioni, questi cal­coli sono doppi­a­mente sbagliati. «Pri­mo per­chè l’am­min­is­trazione è deter­mi­na­ta ad usare il tem­po che res­ta non per rispon­dere a ster­ili e astiose polemiche, ma per portare a com­pi­men­to il pro­prio pro­gram­ma e per dare con­crete risposte alle esi­gen­ze dei desen­zane­si. Sec­on­do per­chè — con­tin­ua la Giun­ta — nonos­tante dif­fi­coltà ogget­tive e osta­coli buro­crati­ci, a volte sem­i­nati ad arte, ha svolto un lavoro sicu­ra­mente pos­i­ti­vo». Respin­ta, inoltre, l’ac­cusa di «avere tenu­to un com­por­ta­men­to da San­ta Inqui­sizione durante un incon­tro pub­bli­co a Riv­oltel­la». L’am­min­is­trazione ha soltan­to «incon­tra­to il pres­i­dente, il vicepres­i­dente e il tesoriere del­l’As­so­ci­azione Com­mer­cianti di Riv­oltel­la per dis­cuterea alcune ques­tioni di col­lab­o­razione». Quan­to all’«assenza del vig­ile di quartiere», la Giun­ta fa infine sapere che «gra­zie all’am­pli­a­men­to del­l’or­gan­i­co del­la polizia urbana ver­rà inten­si­fic­tao il servizio di vig­i­lan­za anche a Riv­oltel­la, con la pre­sen­za gior­naliera sul ter­ri­to­rio di una pat­tuglia e con la cop­er­tu­ra anche nelle prime ore notturne».

Parole chiave: - -