Figuranti e armamenti dell'epoca per il clou della due giorni di avvio delle celebrazioni del 150° dell'Unità d'Italia

A San Martino della Battaglia la storia si ripete con il «remake» della battaglia

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Si sono spente da pochi mesi le luci sulle cel­e­brazioni del 150° del­la stor­i­ca Battaglia risorg­i­men­tale di Solferi­no e San Mar­ti­no e la cit­tà di Desen­zano già inizia a ricor­dare il 150° anniver­sario di fon­dazione del­l’U­nità d’I­talia, apren­do le man­i­fes­tazioni cel­e­bra­tive che vedran­no il loro cul­mine il prossi­mo anno in tut­to il Paese. Lo fa con le inizia­tive in pro­gram­ma tra oggi e domani, che l’Amministrazione comu­nale garde­sana ha allesti­to in col­lab­o­razione con la Soci­età Solferi­no e San Mar­ti­no, la Provin­cia di Bres­cia e il Min­is­tero del­la Dife­sa. «Si trat­ta di una serie di appun­ta­men­ti — ha spie­ga­to l’assessore alla Cul­tura Emanuele Gius­tac­chi­ni — inser­i­ti nel­l’am­bito delle cel­e­brazioni nazion­ali per il 150° anniver­sario del­l’U­nità d’I­talia, rap­p­re­sen­tate dal logo uffi­ciale: tre bandiere tri­col­ore che sven­tolano, come espres­sione dei tre giu­bilei nazion­ali (1911, 1961 e 2011). L’enorme suc­ces­so reg­is­tra­to il 24 giug­no del­lo scor­so anno ci ha spin­ti a ripro­porre la rie­vo­cazione stor­i­ca lan­cian­do un ponte ide­ale tra l’an­niver­sario del 2009 e quel­lo del 2011».Il pro­gram­ma prevede ques­ta mat­ti­na alle 10.45, nel­la cap­pel­la-ossario del par­co del­la Torre di San Mar­ti­no (in col­lab­o­razione con il Min­is­tero del­la Dife­sa) una solenne cer­i­mo­nia mil­itare che vedrà la parte­ci­pazione di autorità del Gov­er­no e di rap­p­re­sen­tan­ti isti­tuzion­ali del­la Provin­cia e dei Comu­ni bres­ciani. In ser­a­ta, alle 21, lo stes­so par­co ospiterà il con­cer­to del­la Ban­da del­l’E­serci­to ital­iano. Si trat­ta di un com­p­lesso musi­cale che, oltre a far fronte agli impeg­ni isti­tuzion­ali di rap­p­re­sen­tan­za al Quiri­nale, svolge una inten­sa attiv­ità con­cer­tis­ti­ca che l’ha vista pre­sente nelle prin­ci­pali piazze, sale e teatri, tra i quali la Scala di , il Ver­di di Tri­este, il Belli­ni di Cata­nia, il Petruzzel­li di Bari, il San Car­lo di Napoli, l’Opera di Roma, la Fenice di Venezia ed il Regio di Tori­no. Domani, alle ore 11, le cel­e­brazioni ripren­der­an­no nel paese di San Mar­ti­no con una sfi­la­ta stor­i­ca da via Unità d’I­talia a piaz­za del­la Con­cor­dia, dove alle 11.30 avrà luo­go l’alz­a­bandiera con cer­i­mo­nia di onore ai cadu­ti e, alle ore 12, l’e­si­bizione del grup­po risorg­i­men­tale Cit­tà di Lend­i­nara. Alle ore 12.30, aper­i­ti­vo. La man­i­fes­tazione sarà accom­pa­g­na­ta dal­la Ban­da cit­tad­i­na. Nel pomerig­gio alle ore 14.30 inizier­an­no le — su preno­tazione e con ingres­so ridot­to — al com­p­lesso muse­ale del­la Torre di San Mar­ti­no (le preno­tazioni si ricevono al numero 030–9910370). Alle ore 16 l’e­si­bizione di danze del grup­po risorg­i­men­tale Cit­tà di Lend­i­nara aprirà la rie­vo­cazione stor­i­ca, che alle 16.30 vedrà fig­u­ran­ti in uni­forme e arma­men­to d’e­poca, a pie­di e a cav­al­lo, ridare vita alle fasi salien­ti del­lo scon­tro del 24 giug­no 1859. Alle ore 18, con l’am­main­a­bandiera, si chi­ud­er­an­no le due gior­nate cel­e­bra­tive. In occa­sione del­la rie­vo­cazione stor­i­ca, domani, dalle ore 14.15 alle ore 19, ver­rà effet­tua­to un col­lega­men­to con navet­ta gra­tui­ta dal parcheg­gio anti­s­tante la vec­chia chiesa di San Mar­ti­no. Altre infor­mazioni sono disponi­bili sui seguen­ti siti Inter­net: www.solferinoesanmartino.it e www.comune.desenzano.brescia.it

Parole chiave: -