Acque bresciane: incontro Garda Uno e Provincia di Brescia

Di Redazione

Il Pres­i­dente di ha incon­tra­to il 19 set­tem­bre scor­so il Pres­i­dente del­la Provin­cia di Bres­cia, , accom­pa­g­na­to dal vice pres­i­dente con del­e­ga al Ciclo idri­co inte­gra­to, Andrea Rat­ti, per appro­fondire il tema del­la ges­tione del Servizio Idri­co nel ter­ri­to­rio provin­ciale.

Comune è risul­ta­ta la grande impor­tan­za attribui­ta alla volon­tà espres­sa dal Gov­er­no nel­la delib­era Cipe 25 del 10 agos­to 2016, che mette a dis­po­sizione i 100 mil­ioni di euro nec­es­sari, ma non anco­ra suf­fi­ci­en­ti, alla depu­razione del lago di Gar­da.

A tal fine han­no con­di­vi­so l’op­por­tu­nità di definire un per­cor­so che por­ti a un accor­do tra Gar­da Uno, Acque Bres­ciane, Provin­cia di Bres­cia e Uffi­cio d’Am­bito per la ges­tione di tali risorse, nonché di intrapren­dere un per­cor­so che con­d­u­ca alla con­fluen­za anche di Gar­da Uno in Acque Bres­ciane, come da delib­er­azione dei Con­sigli Comu­nali dei Comu­ni soci.

Il Pres­i­dente di Gar­da Uno ha, inoltre, espos­to al Con­siglio di Ammin­is­trazione del­la Soci­età i con­tenu­ti del­l’in­con­tro, otte­nen­do l’assen­so per giun­gere a un tale accor­do, di cui il Con­siglio si ris­er­va di val­utare i con­tenu­ti, fer­mo restando il nec­es­sario pre­sup­pos­to del­lo stanzi­a­men­to da parte del Gov­er­no delle risorse promesse per la depu­razione del Gar­da.