Ad Andrea Mariano Bottoli il 42° Concorso Nazionale dei Madonnari di Grazie

18/08/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

E’ il monzese di orig­i­ni man­to­vane Andrea Mar­i­ano Bot­toli il vinci­tore del 42° Con­cor­so Nazionale dei di Gra­zie: il mae­stro madon­naro, uno dei pro­tag­o­nisti stori­ci del­la man­i­fes­tazione, ha con­vin­to la giuria pre­siedu­ta dal criti­co d’arte Philippe Dav­e­rio con un’opera com­p­lessa, di ambi­en­tazione cinque­cen­tesca e ispi­ra­ta agli antichi stru­men­ti musi­cali.

Il sec­on­do pos­to del­la cat­e­go­ria Maestri Madon­nari è anda­to a Simona Lan­fre­di Sofia, man­to­vana di Boz­zo­lo, men­tre terza si è clas­si­fi­ca­ta Michela Bogo­ni di Mon­te­forte d’Alpone, nel Veronese: entrambe le opere sono ispi­rate alla sim­bolo­gia del­la preghiera per la pace, un tema ripreso da diver­si madon­nari che sul sagra­to del San­tu­ario han­no ricorda­to i tan­ti con­flit­ti pre­sen­ti nel mon­do.

Philippe Dav­e­rio, pres­i­dente ono­rario del­la giuria, assieme al pres­i­dente tec­ni­co Pao­lo Bertel­li e agli altri giu­rati, ha mostra­to un apprez­za­men­to par­ti­co­lare per l’originalità delle creazioni: una ten­den­za in atto già negli ulti­mi anni e ulte­ri­or­mente incen­ti­va­ta dal nuo­vo rego­la­men­to del con­cor­so, che vede ormai le opere di inven­zione sur­clas­sare la pure eccel­lente tradizione copista.

Tra le 140 opere real­iz­zate dai 162 madon­nari giun­ti a Gra­zie da tut­to il mon­do, a con­quistare Dav­e­rio e i giu­rati è sta­to l’eccellente lavoro di Andrea Mar­i­ano Bot­toli, ses­san­tenne monzese che parte­ci­pa al con­cor­so sin dal 1977: il mae­stro madon­naro ha pro­pos­to un’opera con ben 27 sogget­ti, che ha col­pi­to la giuria, oltre che per la com­p­lessità com­pos­i­ti­va, anche per il richi­amo alla tradizione cinque­cen­tesca e per la citazione di antichi stru­men­ti musi­cali.

Ques­ta è la mia terza vit­to­ria a Gra­zie ma mi riem­pie di gioia – rac­con­ta Bot­toli subito dopo la vit­to­ria – per­ché è la dimostrazione che si può pas­sare con suc­ces­so dalle copie alla pro­duzione di immag­i­ni. E’ dagli anni Set­tan­ta che parte­cipo a questo con­cor­so, che per me è sta­to una grande scuo­la: è qui che ho impara­to l’arte madon­nara, pri­ma ripro­ducen­do i cap­ola­vori di Tiepo­lo e Tin­toret­to, e poi com­in­cian­do a elab­o­rare sogget­ti orig­i­nali, seguen­do lo stra­or­di­nario esem­pio di Kurt Wen­ner”.

La padro­nan­za tec­ni­ca ed espres­si­va del mae­stro è tale che ormai si affi­da con sicurez­za all’improvvisazione, sen­za ricor­rere al bozzet­to pre­ven­ti­vo. “Ovvi­a­mente par­to con un’idea, che in questo caso mi è venu­ta pen­san­do ad un mio caro ami­co musicista, ma buona parte delle deci­sioni le pren­do appe­na pri­ma di com­in­cia­re a lavo­rare, las­cian­do che ad ispi­rar­mi sia il genius loci: è la piaz­za a par­lare. E sul sagra­to del San­tu­ario mi è venu­ta l’idea di real­iz­zare una pic­co­la fol­la di per­son­ag­gi, ognuno abbina­to ad uno stru­men­to musi­cale del Cinque­cen­to. Quel­la di sfruttare al mas­si­mo lo spazio disponi­bile è una sfi­da diver­tente: come dice­va Michelan­ge­lo, una stat­ua intera sta in una mano, la cosa dif­fi­cile è trovar­la”.

Per real­iz­zarla, con­fes­sa Andrea Mar­i­ano (il cui sec­on­do nome è dovu­to al fat­to che il suo anno di nasci­ta, il 1954, era l’anno mar­i­ano: nomen omen per un mae­stro madon­naro affezion­a­to al sagra­to del San­tu­ario del­la Bea­ta Vergine delle Gra­zie!), ha dor­mi­to appe­na due ore: la fat­i­ca è sta­ta però ricom­pen­sa­ta da una splen­di­da vit­to­ria. E a lui spet­terà il com­pi­to di real­iz­zare il man­i­festo del­la 43esima edi­zione del con­cor­so.

Nel­la cat­e­go­ria Madon­nari qual­i­fi­cati la vit­to­ria è anda­ta a Gar­cia Her­nan Adri­ana Del Rocio, mes­si­cana di Guadala­ja, cui è sta­to anche asseg­na­to per un anno il Pre­mio del Madon­naro. Dietro di lei le man­to­vane Valenti­na Sforzi­ni di Cur­ta­tone e Nar­cisa Pachera di Goito: tutte guadag­nano il pas­sag­gio alla cat­e­go­ria dei Maestri madon­nari.

A vin­cere nel­la cat­e­go­ria Madon­nari sem­pli­ci è sta­to Mino Di Sum­ma di Fran­cav­il­la Fontana (BR), segui­to da Andrea Grespi, man­to­vano di Cur­ta­tone, e da Isnar­do Car­doso, colom­biano res­i­dente a Firen­ze: per loro si aprono le porte del­la cat­e­go­ria Madon­nari qual­i­fi­cati.

Tra i madon­nari sem­pli­ci sono state seg­nalate anche 19 opere, men­tre ad aggiu­di­car­si il Pre­mio del­la giuria popo­lare con ben 1.080 voti è sta­ta Lucia Legati, man­to­vana di Castel­luc­chio.

In evi­den­za anche i vinci­tori dei pre­mi spe­ciali. Il Pre­mio spe­ciale San­tu­ario Bea­ta Vergine delle Gra­zie è anda­to alla giap­ponese Chi­hiriko Taki, che ha real­iz­za­to una splen­di­da Madon­na dai trat­ti nip­poni­ci: la vit­to­ria le vale il pas­sag­gio da madon­nara sem­plice a qual­i­fi­ca­ta.

Il Pre­mio spe­ciale Cre­ativ­ità è anda­to a Fabio Fedele Maria, madon­naro qual­i­fi­ca­to di che diven­ta mae­stro madon­naro di Lend­i­nara (RO), che diven­ta così mae­stro.

Il Pre­mio spe­ciale Par­co del Min­cio è anda­to alla maes­tra madon­nara Lil­iana Con­for­ti­ni di Cas­tenedo­lo (BS), men­tre a vin­cere il Pre­mio Spe­ciale Rotary Andes ded­i­ca­to alla memo­ria di Toto De Ange­lis, l’indimenticabile Strac­cet­to, è sta­ta Francesca Arsì, madon­nara sem­plice di Firen­ze.

Otti­mi i risul­tati degli allievi del­la Scuo­la di arte madon­nara di Gra­zie, par­ti­ta pro­prio quest’anno: oltre a Valenti­na Sforzi­ni, docente del­la scuo­la e mem­bro del Cen­tro Ital­iano Madon­nari con un impor­tante cur­ricu­lum inter­nazionale, han­no ottenu­to una seg­nalazione i madon­nari sem­pli­ci Andrea Grespi e Lucia Legati (vincitrice anche del pre­mio giuria popo­lare).

Ad ammi­rare le opere dei madon­nari sono arrivate a Gra­zie decine di migli­a­ia di per­sone dall’alba sino a notte fon­da: a guastare la grande fes­ta è sta­ta però la piog­gia, che ques­ta mat­ti­na ha can­cel­la­to buona parte delle opere real­iz­zate sul sagra­to del San­tu­ario. I vir­tu­osi dell’arte effimera per definizione però non ne fan­no un cruc­cio: l’importante è che il tem­po, grande incog­ni­ta che pende sem­pre sulle sor­ti del­la man­i­fes­tazione, abbia ret­to per tut­ta la dura­ta del con­cor­so, con­sen­ten­do loro di ter­minare i dis­eg­ni e repli­care così l’antico incan­to di Gra­zie.

 

I vinci­tori del 42° Con­cor­so Nazionale dei Madon­nari di Gra­zie

 

MAESTRI MADONNARI

Pri­mo clas­si­fi­ca­to:  Andrea Mar­i­ano Bot­toli – Mon­za

Per la com­p­lessità com­pos­i­ti­va, il richi­amo alla tradizione cinque­cen­tesca e la citazione degli stru­men­ti musi­cali

Sec­on­do clas­si­fi­ca­to: Simona Lan­fre­di Sofia

Ter­zo clas­si­fi­ca­to: Michela Bogo­ni

 

MADONNARI QUALIFICATI

Pri­mo clas­si­fi­ca­to: Gar­cia Her­nan Adri­ana Del Rocio (asseg­nazione del Pre­mio del Madon­naro per la dura­ta di un anno) – Guadala­jara (Mes­si­co)

Sec­on­do clas­si­fi­ca­to: Valenti­na Sforzi­ni – Cur­ta­tone (MN)

Ter­zo clas­si­fi­ca­to: Nar­cisa Pachera – Goito (MN)

 

MADONNARI SEMPLICI

Pri­mo clas­si­fi­ca­to: Mino Di Sum­ma — Fran­cav­il­la Fontana (BR)

Sec­on­do clas­si­fi­ca­to: Andrea Grespi – Cur­ta­tone (MN)

Ter­zo clas­si­fi­ca­to: Isnar­do Car­doso – Firen­ze (Paese orig­i­nario: Colom­bia)

 

PREMIO SPECIALE SANTUARIO B.V. DELLE GRAZIE

Chi­hiri­co Taki — Giap­pone

 

PREMIO SPECIALE GIURIA POPOLARE (1.080 votan­ti)

Lucia Legati — Castel­luc­chio (MN)

 

PREMIO SPECIALE CREATIVITÀ

Fabio Fedele Maria – Lend­i­nara (RO)

 

PREMIO SPECIALE PARCO DEL MINCIO

Lil­iana Con­for­ti­ni – Cas­tenedo­lo (BS)

 

PREMIO SPECIALE ROTARY ANDES ded­i­ca­to a Toto De Ange­lis in arte Strac­cet­to

Francesca Arsì – Firen­ze

 

Madon­nari sem­pli­ci SEGNALATI dal­la giuria:

 

Michela Vici­ni – Vesco­v­a­to (CR)

Lucas Eze­quiele Tesoriero — Tra­vo (PC) Paese d’origine: Argenti­na

Chris­t­ian Tru­ca — Roma­nia

Flavio Cop­po­la — Firen­ze

Lucia Legati – Castel­luc­chio (MN)

Vio­le­ta Coteanu – Man­to­va – Paese d’origine: Roma­nia

Enri­ca Plac­chi – Boz­zo­lo (MN)

Ruben Mar­tinez — Mes­si­co

Igna­cio Matzeu — Firen­ze

Alessan­dra Belli­ni – Trausel­la Val­suchiel­la (VA)

Ornel­la Zaf­fanel­li – Vesco­v­a­to (CR)

Mar­co Big­na­mi – Romprez­za­g­no (CR)

Mar­co Soana – Rivaro­lo Man­to­vano (MN)

Rena­to Giunò – Boz­zo­lo (MN)

Ste­fano Bri­go – Cur­ta­tone (MN)

Jose’ Fer­nan­do Car­de­nas – Firen­ze (Paese d’origine: Colom­bia)

Ilar­ia Corno – Palaz­zuo­lo (FI)

Patrizia Di Pietro – Vir­gilio (MN)

Manuel Caru­so – Goito (MN)

 

Parole chiave: