Rimarrà aperta sino al 5 maggio prossimo la mostra mozambicana “Africa Afriche” che verrà inaugurata alle ore 10 di giovedì 25 aprile

Africa Afriche

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Manerba del Garda

Rimar­rà aper­ta sino al 5 mag­gio prossi­mo la mostra mozam­bi­cana “Africa Afriche” che ver­rà inau­gu­ra­ta alle ore 10 di giovedì 25 aprile, pres­so la Chiesa di San Gio­van­ni a Maner­ba del Gar­da. Una mostra che con Maner­ba, dopo le tappe berga­m­asche di Mar­ti­nen­go e Clu­sone, ter­mi­na il suo per­cor­so itin­er­ante. Orga­niz­za­ta dal­la Bib­liote­ca Comu­nale di maner­ba, in col­lab­o­razione con la “Con­gregazione Sacra Famiglia” di Mar­ti­nen­go (BG), la mostra di arti fig­u­ra­tive, nata in col­lab­o­razione con gli artisti mon­z­abi­cani, gli organ­is­mi del volon­tari­a­to e gli isti­tu­ti Mis­sion­ari, intende far conoscere il paese sim­bo­lo del­la rinasci­ta africana. “Tante Afriche diverse e col­orate lon­tane dal­lo stereotipo del con­ti­nente buio e maledet­to – rac­con­tano gli orga­niz­za­tori –. In ognuna di queste cit­tà lo spazio mostra, popi, diver­rà occa­sione di rac­con­to e di raf­fron­to aper­ta a tut­ti i sogget­ti inter­es­sati e già oper­an­ti nel cam­po, attra­ver­so instal­lazioni, dibat­ti­ti, proiezioni. Alla fine rimar­rà un cat­a­l­o­go-rac­con­to degli artisti, delle loro opere e del loro paese; un sito inter­net a loro ded­i­ca­to capace di illus­trarne le attiv­ità, di pro­muoverne le inizia­tive e le oper­azioni di mer­ca­to; un cen­tro di inte­grazione a Mar­racuene (Maputo), da loro volu­to in col­lab­o­razione con i mis­sion­ari del­la Sacra Famiglia di Mar­ti­nen­go, finanzi­a­to con la ven­di­ta del cat­a­l­o­go e le pos­si­bili e aus­pi­ca­bili offerte del pub­bli­co, per il rein­ser­i­men­to nel tes­su­to sociale dei minori afflit­ti da cecità i cui des­ti­ni, altri­men­ti, sareb­bero ter­ri­bili. Il sito – con­cludono i pro­mo­tori del­la mostra – in caso di suc­ces­so dell’iniziativa, diver­rà una vera e pro­pria gal­le­ria vir­tuale, luo­go di mer­ca­to e di scam­bi cul­tur­ali, aper­to a tut­ta l’arte fig­u­ra­ti­va sub­sa­har­i­ana”. Gli orari di aper­tu­ra sono, per i giorni feri­ali dalle ore 16.00 alle ore 20.00, per i fes­tivi ed il ven­erdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00.

Parole chiave: