L’assessore Minini: «Entro febbraio il presidente del Direttivo»

Agenzia turistica unica sul Garda

Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

Del decol­lo del­l’A­gen­zia Tur­is­ti­ca del Gar­da Bres­ciano si è par­la­to nel cor­so di un appun­ta­men­to gas­tro­nom­i­co, con tema tur­is­ti­co, l’al­tra sera a Cal­vagese Riv­iera, nel­la Vine­r­ia delle Can­tine Redael­li de Zinis, la bel­la tenu­ta che si tro­va in posizione incan­tev­ole ai pie­di delle e a due pas­si dal fiume Chiese.Si sono ritrovati all’appuntamento tur­is­ti­co-gas­tro­nom­i­co l’asses­sore al Tur­is­mo dell’Amministrazione provin­ciale Ric­car­do Mini­ni, con i sin­daci di Salò (Giampiero Cipani), Tremo­sine (Francesco Bri­ar­a­va), Limone (Chic­co Risat­ti, che è anche pres­i­dente del Con­sorzio Riv­iera dei Limoni) e vari asses­sori dei Comu­ni del­l’Al­to e Bas­so Gar­da, del pres­i­dente del Con­sorzio Riv­iera dei Castel­li, Ambro­gio Flo­ri­oli, del pres­i­dente degli Alber­ga­tori Bres­ciani, Pao­lo Rossi, e del diret­tore di Bres­ci­a­tourism, Mas­si­mo Ghidel­li, che han­no incon­tra­to i rap­p­re­sen­tan­ti degli oper­a­tori tur­is­ti­ci del Gar­da Bres­ciano e del­la «Stra­da del del Gar­da», Nico­let­ta Manestri­ni e Pao­lo Turina.Era pre­sente anche il coor­di­na­tore delle Agen­zie Tur­is­tiche del Ter­ri­to­rio, Alessan­dro dal­la Giovanna.L’assessore Ric­car­do Mini­ni ha rib­a­di­to «l’e­si­gen­za di oper­are da subito per ovviare alle tante dif­fi­coltà che si incon­tra­no nel­la pro­gram­mazione all’es­tero delle azioni pro­mozion­ali del lago, spes­so con­fuse, se non addirit­tura con­trad­dit­to­rie. È nec­es­sario orga­niz­zare gli uffi­ci di infor­mazione tur­is­ti­ca cre­an­do servizi aggiun­tivi (Trans­fer-ser­vice dagli aero­por­ti) in modo da dare un’im­mag­ine sem­pre più mod­er­na ed effi­cace del­l’ac­coglien­za tur­is­ti­ca del nos­tro territorio».Quanto all’e­si­gen­za di ren­dere atti­va l’A­gen­zia Tur­is­ti­ca del Gar­da Bres­ciano, è sta­to det­to che ciò non vuole di cer­to inter­ferire con l’at­tiv­ità dei tre Con­sorzi esistenti.Piuttosto si trat­terebbe di coor­dinare l’in­for­mazione sul ter­ri­to­rio e la pro­mozione tur­is­ti­ca cre­an­do un rap­por­to sin­er­gi­co anche con le sponde tren­tine e verone­si del baci­no del lago di Gar­da, allo scopo di darne un’im­mag­ine uni­ca e più completa.Senza con­tare il fat­to che l’A­gen­zia Riv­iera del Gar­da è sta­ta riconosci­u­ta come Sis­tema Tur­is­ti­co uni­co, che può attin­gere, attra­ver­so prog­et­ti, ai finanzi­a­men­ti regionali.L’assessore provin­ciale Mini­ni ha promes­so — entro feb­braio — la nom­i­na da parte del­l’Am­min­is­trazione provin­ciale del pres­i­dente del Con­siglio diret­ti­vo del­l’A­gen­zia, un pres­i­dente che sia gra­di­to a tut­ti e che inves­ta molto del suo tem­po al servizio del set­tore tur­is­ti­co, coa­d­i­u­va­to da uno staff oper­a­ti­vo locale ma com­pe­tente, pron­to a gestire gli innu­merevoli prog­et­ti, alcu­ni dei quali già approvati dal­la Regione (con finanzi­a­men­to di 800.000 euro) i quali porter­an­no servizi aggiun­tivi e di qual­ità al tur­is­mo del Gar­da bresciano.

Commenti

commenti