Bilancio sul lavoro di un anno: dall’accordo con le società che si occupano di servizi idrici al progetto per la nuova sede

Ags, azienda in buona salute

Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

«Se doves­si sin­te­tiz­zare tut­to con una bat­tuta direi che era persi­no trop­po bel­lo per essere vero». Così Nico­la Dell’Acqua com­men­ta la deci­sione di las­cia­re la pres­i­den­za di Spa a nem­meno un anno di dis­tan­za dal con­fer­i­men­to dell’incarico che ora è sta­to affida­to ad Alber­to Tomei.«D’altra parte», con­fes­sa Dell’Acqua, «si è trat­ta­to di una scelta obbli­ga­ta. Il sot­toseg­re­tario Berto­la­so mi ha volu­to come capo mis­sione per la scelta e la creazione dei siti per risol­vere l’emergenza rifiu­ti in Cam­pa­nia. Un impeg­no che non mi avrebbe per­me­s­so di fare bene entrambe le cose e così, sep­pure con molto ram­mari­co, ho las­ci­a­to Ags. So però», con­tin­ua l’ormai ex pres­i­dente, «che las­cio una realtà molto fun­zionale e ben orga­niz­za­ta. Anzi, rin­no­vo il mio più sen­ti­to ringrazi­a­men­to per il lavoro fat­to al con­siglio di ammin­is­trazione, ai sin­daci e a tut­ti col­oro che lavo­ra­no in azien­da: dal diret­tore gen­erale Alber­to Ardieli al per­son­ale tec­ni­co e amministrativo».Tra gli obi­et­tivi rag­giun­ti il pri­mo su cui si sof­fer­ma Dell’Acqua è la let­tera di inten­ti siglata con le soci­età Acque Verone­si, la padovana Cen­tro Vene­to Servizi, Alto Vicenti­no e Aim Vicen­za Acqua. «Si occu­pano tutte quante del servizio idri­co inte­gra­to», spie­ga, «e l’accordo rag­giun­to con­sen­tirà di creare sin­ergie e fornire o reperire con­giun­ta­mente servizi piut­tosto che materie prime. Il che sig­nifi­ca ottimiz­zare costi di ges­tione e real­iz­zare economie di scala che van­no a tut­to van­tag­gio, in ter­mi­ni di risparmio, degli utenti».«Una delle prime azioni in ques­ta direzione», pre­cisa il diret­tore di Ags Ardieli, «è l’imminente com­ple­ta­men­to del­la gara uni­ca per l’acquisto di ener­gia elet­tri­ca cui ci pre­sen­ti­amo come uten­ti liberi. È una gara a rib­as­so on-line di cui vedremo a breve gli esiti».«E poi», riprende Dell’Acqua, «c’è l’individuazione dell’area su cui sorg­erà la nuo­va sede di Ags che da Peschiera si sposterà a Castel­n­uo­vo. Con l’amministrazione comu­nale sono sta­ti avviati i con­tat­ti per la definizione dell’accordo che porterà alla real­iz­zazione di un immo­bile che ospiterà sia Ags che la castel­n­uovese». «Un prog­et­to di rilie­vo», aggiunge Ardieli, «per­ché sarà fat­to con grande atten­zione per il risparmio ener­geti­co e l’utilizzo di energie alternative».Altro argo­men­to sig­ni­fica­ti­vo è quel­lo del­la definizione del­la nuo­va soci­età con­sor­tile «Depu­razioni Bena­cen­si Scarl» che unisce Azien­da Garde­sana Servizi e Gar­da Uno (l’equivalente bres­ciana di Ags) nel­la ges­tione diret­ta del depu­ra­tore di Peschiera (si leg­ga arti­co­lo nel box, ndr).«Voglio ricor­dare anche il lavoro fat­to per il recu­pero di cred­i­ti: dopo una pri­ma fase di acqui­sizione, dai Comu­ni, delle varie banche dati e la con­seguente mag­giore conoscen­za del ter­ri­to­rio, abbi­amo pros­e­gui­to un impor­tante lavoro di ver­i­fi­ca e recu­pero di posizioni non anco­ra rego­lari. Un’attività», dice Dell’Acqua, «che come molte altre benefi­cerà sicu­ra­mente d’ora in avan­ti dell’impulso che darà, anche gra­zie all’esperienza pro­fes­sion­ale e per­son­ale, il nuo­vo pres­i­dente Alber­to Tomei. A lui riv­ol­go le più sen­tite con­grat­u­lazioni per il nuo­vo incar­i­co che, sono cer­to, seguirà con impeg­no e competenza».«Da parte mia», dice il neo pres­i­dente di Ags, «ringrazio i sin­daci del­la fidu­cia che mi han­no dimostra­to. Lavor­erò con l’intento di con­tin­uare a far crescere Azien­da Garde­sana Servizi e miglio­rare, ren­den­do­lo più sem­plice e meno buro­crati­co, il suo rap­por­to con il cit­tadi­no. Ci atten­dono impeg­ni e obi­et­tivi impor­tan­ti, e sono cer­to che rius­cire­mo a rag­giunger­li anche gra­zie alla rin­no­va­ta col­lab­o­razione con la Regione Vene­to: in par­ti­co­lare», con­clude Tomei, «i suoi asses­sori e con­siglieri verone­si, con cui cercher­e­mo di lavo­rare in stret­ta sin­er­gia».