Al Conservatorio c’è Fabrizio Fanticini

05/04/2013 in Concerti, Musica classica
Parole chiave:
Di Redazione

Per il ciclo «Incon­tri di anal­isi e com­po­sizione» orga­niz­za­to dal «Bon­por­ti» nel­la sede di Riva del Gar­da, sarà ospite mart­edì 9 aprile il com­pos­i­tore emil­iano Fab­rizio Fan­tici­ni che pre­sen­ta al pub­bli­co il suo per­son­ale stile com­pos­i­ti­vo, offren­do un esem­pio con­cre­to del­l’oriz­zonte musi­cale ital­iano di oggi attra­ver­so le sue com­po­sizioni. Per sup­port­are la sua espo­sizione con alcu­ni esem­pi musi­cali dal vivo, è pre­sente uno dei più impor­tan­ti musicisti ital­iani: il vio­lin­ista Enzo Por­ta. L’inizio è alle ore 17; l’in­gres­so è libero.

Fanticini FabrizioClasse 1955, Fan­tici­ni ha segui­to gli stu­di musi­cali con Arman­do Gen­tiluc­ci, diplo­man­dosi in com­po­sizione, musi­ca corale e direzione di coro, per poi per­fezionar­si all’Accad­e­mia Nazionale di San­ta Cecil­ia di Roma sot­to la gui­da di Fran­co Dona­toni. Le sue musiche ven­gono ese­gui­te nei fes­ti­val inter­nazion­ali da più di tren­t’an­ni e sono pub­bli­cate da diverse case editri­ci, come Ricor­di e TauKaj.

Attual­mente svolge attiv­ità didat­ti­ca al Con­ser­va­to­rio di Musi­ca «Arri­go Boito» di Par­ma, dove è tito­lare del­la cat­te­dra di armo­nia, con­trap­pun­to, fuga e com­po­sizione e com­po­sizione sper­i­men­tale. Dal 2008 fa parte del grup­po nazionale dei «Bologna Experts».

 

Parole chiave: