Al Museo Rambotti di Desenzano un servizio di audioguide per tutti

Parole chiave: -
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Il Museo civico archeologico “G. Rambotti” di Desenzano del Garda, sin dalla sua apertura, ha fatto dell’accessibilità uno dei principali obiettivi, con la convinzione che il museo debba essere “per tutti”. Non solo è dotato di rampe di accesso e ascensore per persone con disabilità fisiche ma, da febbraio, offre anche alle persone ipoudenti la possibilità di ascoltare con facilità la visita guidata tramite appositi cavi a induzione magnetica connessi alle audioguide e collegabili automaticamente agli apparecchi acustici più diffusi.

«Oggi abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti», afferma l’assessore all’Istruzione Antonella Soccini. «Sono state introdotte sei audioguide con testi in italiano, inglese e tedesco, realizzate dalla società Orpheo di Roma, tra le principali aziende del settore a livello internazionale, attenta alle tematiche connesse all’accessibilità e fornitore tra gli altri del Palazzo del Quirinale e dell’Expo di Milano. Le nuove guide sono dispositivi particolarmente innovativi, in quanto dotati di un cavo collegabile automaticamente agli apparecchi acustici più diffusi, per consentire anche ai visitatori ipoudenti di usufruire del servizio».

I contenuti della sezione preistorica sono stati predisposti dalla conservatrice del Museo Rambotti, dottoressa Claudia Mangani, quella della sezione romana, medievale e rinascimentale dall’archeologo Angelo Ghiroldi in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Lombardia, e descrivono le tematiche presenti nel percorso espositivo, con qualche approfondimento sulle scoperte archeologiche della zona per completare il viaggio dall’era preistorica all’età moderna.

Il progetto è stato reso possibile da grazie al contributo della Regione Lombardia (Un Museo per tutti). Il noleggio dell’audioguida è a pagamento (tre euro) e la dotazione del cavo per ipoudenti è inclusa nel prezzo.

 

Parole chiave: -

Commenti

commenti