Il 27 marzo alla Fiera di Vita in Campagna un esclusivo incontro per realizzare tinte da frutta, ortaggi, fiori e piante e realizzare capi originali, in linea con le ultime tendenze ecosostenibili.

Al via il primo incontro di tintura…“green” alla Fiera di Vita in campagna a Montichiari

05/03/2015 in Attualità, Fiere
Di Luigi Del Pozzo

Cipolle, spinaci, mir­tilli, rape, sam­bu­co si uti­liz­zano in cuci­na ma ser­vono anche per tin­gere lana, cotone o seta e ottenere mag­nifi­ci col­ori, a pro­va di lava­trice. L’occasione per appren­dere tec­niche e utili con­sigli e real­iz­zare così orig­i­nali creazioni è ven­erdì 27 mar­zo, alle 14, in un incon­tro gra­tu­ito sulle tin­ture nat­u­rali alla Fiera di Vita in Cam­pagna (Cen­tro Fiera del Gar­da a Mon­tichiari, sala 2, al Cen­tro Con­gres­si al 2° piano, sopra il Padiglione 5). “Si trat­ta di tec­niche antichissime che man­ten­gono inal­terati nel tem­po i col­ori, bas­ta guardare agli arazzi di Palaz­zo Ducale a Man­to­va – spie­ga l’esperta e biotec­nolo­ga Valenti­na Fer­rari­ni. Il seg­re­to è uti­liz­zare alcu­ni strat­a­gem­mi e sapere come fis­sare le tinte nat­u­rali”. La tin­tu­ra nat­u­rale è la col­orazione dei tes­su­ti con pig­men­ti di orig­ine veg­e­tale o min­erale. Una tec­ni­ca sor­pren­dente per la gam­ma di col­ori e la loro sta­bil­ità ai lavag­gi e al sole che, fino a metà Otto­cen­to, cos­ti­tu­i­va l’unico meto­do per tin­gere i tes­su­ti.

In par­ti­co­lare, durante il cor­so alla Fiera di Vita in Cam­pagna viene spie­ga­to come si otten­gono i col­ori attra­ver­so la mac­er­azione delle piante e a uti­liz­zarli soprat­tut­to in ambito tes­sile. Ven­gono, inoltre, date le istruzioni di base per real­iz­zare a casa le prime tinte con piante reperi­bili in gia­rdi­no. Un moto di stu­pore nasce nel momen­to in cui una foglia o una cortec­cia lib­er­a­no col­ori inaspet­tati: ad esem­pio, da una foglia verde si può ottenere l’arancione!

Ho scop­er­to un mon­do anti­co, ric­co di sto­ria, usanze, sig­ni­fi­cati, dove la biochim­i­ca, stu­di­a­ta (con fat­i­ca) sui lib­ri, si mesco­la alla magia del col­ore – spie­ga Valenti­na Fer­rari­ni. Sono tre anni che il pen­tolone bolle. Le prime tin­ture in cuci­na tra buc­ce di cipol­la e erbe di cam­po. Negli sposta­men­ti in macchi­na non guar­do più solo dal finestri­no, ma cer­co di dis­tinguere le “erbac­ce” sul ciglio del­la stra­da, i filari degli alberi. Spes­so costringo i famigliari a soste improvvisate per rac­cogliere chissà che. Intan­to cucio e ricamo con i fili tin­ti di improb­a­bili mar­roni e gial­li”. Il cor­so si riv­olge ad appas­sion­ati di hob­bysti­ca e arte e inseg­na a lavo­rare con col­ori atossi­ci ed ecososteni­bili per creare orig­i­nali scia­rpe o capi di abbiglia­men­to.

La Fiera di Vita in Cam­pagna è l’unica mostra-mer­ca­to in Italia che offre oltre 100 cor­si-incon­tri gra­tu­iti tenu­ti da esper­ti in una pic­co­la fat­to­ria ricostru­i­ta dal vero dove ven­gono sim­u­late le prin­ci­pali attiv­ità di cam­pagna. Nel 2015 si svol­gerà in cinque padiglioni dove saran­no esposti prodot­ti spe­cial­iz­za­ti per gli agri­coltori per pas­sione. In par­ti­co­lare, tre saran­no ded­i­cati a work­shop gra­tu­iti di orto, gia­r­di­nag­gio, potatu­ra del frut­te­to, vigne­to e olive­to, e all’allevamento di ani­mali da cor­tile, men­tre il Padiglione 7 ospiterà il Salone del­la casa di cam­pagna con un’ampia espo­sizione di antichi arre­di rus­ti­ci. Il Padiglione 8 sarà invece intera­mente ded­i­ca­to al Salone di Orig­ine e offrirà la pos­si­bil­ità di conoscere, assag­gia­re e acquistare prodot­ti agroal­i­men­ta­ri ital­iani di qual­ità agli stand, attra­ver­so even­ti ed inizia­tive for­ma­tive ad hoc.