L'inaugurazione alla presenza del ministro alla Pubblica Istruzione Maria Stella Gelmini

Al via il prossimo fine settimana l’attesissima anteprima del giardino botanico Bagoda

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

L’apertura è ora­mai dietro l’angolo, il prossi­mo fine set­ti­mana infat­ti la famiglia Vez­zo­la si prepara alla fes­ta d’apertura del­la pri­ma parte del Gia­rdi­no Botan­i­co Bago­da con un even­to riv­olto alle famiglie.Dalle ore 10.00 di saba­to 12 giug­no il magi­co “eden”, sit­u­a­to di fronte al Cen­tro Com­mer­ciale “Le vele” e patro­ci­na­to dal Comune di Desen­zano e dal Comune di Lona­to, aprirà i bat­ten­ti al pub­bli­co con una grande fes­ta alla pre­sen­za del Min­istro alla Pub­bli­ca Istruzione Mari­astel­la Gelmi­ni e dei bam­bi­ni delle scuole di Lonato.Il Gia­rdi­no Botan­i­co Bago­da è il pri­mo risul­ta­to del­lo sfor­zo con­giun­to di tut­ta la famiglia Vez­zo­la, una realtà impren­di­to­ri­ale estrema­mente atti­va sul ter­ri­to­rio garde­sano. Il Gia­rdi­no Bago­da si inserisce infat­ti nel “Prog­et­to Parchi” che prevede la riqual­i­fi­cazione di alcu­ni spazi già pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio ren­den­doli dei veri e pro­pri gia­r­di­ni immer­si nel­la natu­ra incontaminata.Il prog­et­to nasce dal pro­fon­do amore del pres­i­dente del­la Vez­zo­la SPA, Gio­van­ni Vez­zo­la, per la sua ter­ra natia e per i luoghi da lui fre­quen­tati nell’infanzia. All’interno del Gia­rdi­no infat­ti, il pic­co­lo Laghet­to ali­men­ta­to da una sor­gi­va spon­tanea è l’elemento da cui il Gia­rdi­no prende il nome e cuore dei ricor­di d’infanzia di molti abi­tan­ti del­la zona.Non man­cano spazi (estrema­mente sug­ges­tivi) ded­i­cati ai due prodot­ti principe del Lago di Gar­da, gli ulivi e i limoni; l’ampia area espos­i­ti­va rac­chi­ude il “Chioschet­to Bago­da”, dove gustare prodot­ti selezionati e di alta qual­ità, e la “Bot­te­ga di Bago­da” nel­la quale acquistare locali.All’interno ver­ran­no inoltre posizion­ate due delle opere del gio­vane artista savonese Mat­tia Trot­ta, par­ti­co­lari instal­lazioni ese­gui­te con il fil di ferro.La grande fes­ta di pre­sen­tazione preved­erà, oltre all’apertura di questi spazi, anche gran­di giochi gon­fi­a­bili, pal­lonci­ni, ani­mazione e vi sarà la pos­si­bil­ità di parte­ci­pare ai lab­o­ra­tori sul miele curati dall’APAB, che ha allesti­to per l’occasione una mostra, e sull’olio curati dal Con­sorzio Olio DOP Laghi Lombardi.La Famiglia Vez­zo­la ha pen­sato ad un pro­gram­ma di aper­ture del Gia­rdi­no Botan­i­co Bago­da con caden­za men­sile, in modo da con­sen­tire al mag­gior numero pos­si­bile di per­sone di entrare in con­tat­to con la natu­ra incon­t­a­m­i­na­ta di questo luogo.Le prossime aper­ture del par­co saranno:10–11 luglio “Un week end con Gus­to al Mer­ca­to Contadino”7–8 agos­to I Gio­coac­ro­bati­comi­ci in “Giochi­amo col Circo”11–12 set­tem­bre “Tri­on­fo del Gusto”VEZZOLA SPA Vez­zo­la SPA nasce negli anni 50 dal­la pas­sione e dall’intenso attac­ca­men­to al lavoro del suo pres­i­dente Gio­van­ni Vez­zo­la, che anco­ra oggi pre­siede il grup­po oper­ante nei set­tori dell’attività estrat­ti­va, del­la pro­duzione di cal­ces­truz­zo e del­la real­iz­zazione di opere stradali.La polit­i­ca di inves­ti­men­to e l’impegno costante alla ricer­ca di nuove tec­nolo­gie sono le carat­ter­is­tiche prin­ci­pali del cam­mi­no intrapre­so dall’azienda che pun­ta a miglio­rar­si giorno dopo giorno.PROGETTO PARCHI Il “Prog­et­to Parchi” che la Vez­zo­la spa sta real­iz­zan­do, nasce dal sog­no del suo Pres­i­dente di riqual­i­fi­care spazi immer­si nel­la natu­ra da lui fre­quen­tati nell’infanzia.La pas­sione per i luoghi natii ha influen­za­to gli ani­mi di tut­ti i com­po­nen­ti del­la famiglia che con immen­so entu­si­as­mo si sono but­tati in ques­ta nuo­va avven­tu­ra nonos­tante il loro cam­po d’azione quo­tid­i­ano inves­ta ambiti ben differenti.Questo fat­tore non ha scor­ag­gia­to nes­suno, anzi, ognuno si è impeg­na­to con anco­ra più entu­si­as­mo per­ché la resa fos­se delle migliori.Il pri­mo risul­ta­to è il Gia­rdi­no Botan­i­co Bago­da.           

Parole chiave: