Al via la realizzazione della rete fognaria

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Si sono con­cluse nei gironi scor­si tutte le oper­azioni buro­cratiche iner­en­ti all’asseg­nazione dei lavori riguardan­ti i 16 lot­ti per la real­iz­zazione di numerosi tronchi di rete fognaria.Un appal­to che vede­va inter­es­sati la mag­gior parte dei comu­ni con­sorziati nel­l’Azien­da Spe­ciale per una spe­sa com­p­lessi­va, a base d’as­ta, di oltre 7 mil­iar­di. Alla gara d’as­ta ave­vano parte­ci­pa­to 80 imp­rese. A 9 ditte bres­ciane sono andati 12 lot­ti, dei 16 in appalto.L’intervento più con­sis­tente, sia come impeg­no di spe­sa che come tem­po di lavoro riguar­da la real­iz­zazione delle fog­na­ture nei comu­ni di Limone e Tremo­sine con impor­to base 3.500.000.000 e 510 giorni il ter­mine lavo­ra­ti­vo. Quel­lo invece di minor impeg­no riguar­da il comune di Sirmione con 82.765.601 e 90 giorni il tem­po sta­bil­i­to. “Giorni nat­u­rali e con­sec­u­tivi a par­tire dal­la data di con­seg­na del ver­bale di con­seg­na” ricor­da Fran­co Richet­ti Diret­tore Gen­erale del­l’Azien­da Spe­ciale Gar­da Uno.Con ques­ta impor­tante serie di inter­ven­ti ver­ran­no com­ple­tate molte delle situ­azioni che si pro­trae­vano da diver­so tem­po in atte­sa del­la disponi­bil­ità finanziaria nec­es­saria a sod­dis­fare la neces­sità dei vari inter­ven­ti. Cer­to che con quest’ul­ti­ma asseg­nazione non ver­rà anco­ra real­iz­za­ta com­ple­ta­mente l’in­tera rete del col­let­tore di , e questo anche per­ché nuove e con­tin­ue neces­sità si pre­sen­tano sia nei cen­tri garde­sani con­sorziati che anche per l’in­gres­so, nel Con­sorzio, di nuove entità che, nec­es­sari­a­mente, avanz­er­an­no richi­es­ta di col­lega­men­to alla pri­maria rete di rac­col­ta fog­nar­ia. Gui­do Maru­el­li, pres­i­dente del­l’Azien­da Spe­ciale ha affer­ma­to “che sin tan­to nei vari comu­ni vi sarà espan­sione, nuove strut­ture e nuovi inse­di­a­men­ti, l’opera di rac­col­ta non avrà mai ter­mine”. Rifer­en­dosi poi ai recen­ti appalti Maru­el­li si è det­to par­ti­co­lar­mente sod­dis­fat­to soprat­tut­to per “il fat­to che abbi­amo fram­men­ta­to l’in­ter­ven­to in pic­coli lot­ti, comune per comune, dà la pos­si­bil­ità a tut­ti i nos­tri “soci” di aver una mag­gior celer­ità non solo nel­la con­seg­na dei lavori ma anche del­la loro con­clu­sione. Una scelta ques­ta det­tat­aci anche dal­la neces­sità di cer­care di creare il meno pos­si­bile dis­a­gi sia agli abi­tan­ti che al tur­is­mo, indus­tria su cui si basa l’e­cono­mia del­la qua­si total­ità dei nos­tri con­sorziati. 16 cantieri che noi con­trollere­mo molto fre­quente­mente e che, nel­la mag­gior parte, ter­min­er­an­no i loro inter­ven­ti entro la prossi­ma estate”.

Parole chiave: -