A cura dell’Ais

Al via le lezioni di primo soccorso una vera fucina del volontariato

19/09/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Salò

Inizia ques­ta sera, a Salò, il 28° cor­so di pri­mo soc­cor­so orga­niz­za­to dal­la locale sezione Ais. Dalle ore 20.30 alle 23 il dot­tor Can­de­loro ter­rà una lezione di anato­mia. Si pros­eguirà fra una set­ti­mana con fisi­olo­gia, poi chiru­gia, trau­ma­tolo­gia, rian­i­mazione, car­di­olo­gia, malat­tie infet­tive, avve­le­na­men­ti, emer­gen­ze psichi­atriche, dan­ni da radi­azioni. Ogni incon­tro si svol­gerà a dis­tan­za di sette giorni. Pre­viste numerose eserci­tazioni. Il cor­so, che si tiene nel­la palestra del­l’ospedale, dur­erà fino a giovedì 5 dicem­bre. La set­ti­mana suc­ces­si­va si ter­ran­no gli esa­mi (scrit­to, orale, prat­i­ca) per il patenti­no. «Il diret­tore gen­erale del­l’azien­da ospedaliera di Desen­zano, Ange­lo Fos­chi­ni, e quel­lo san­i­tario, Ange­lo Vas­sal­lo — ram­men­ta Rodin­go Sincinel­li, cui fa capo l’As­so­ci­azione ital­iana soc­cor­ri­tori -, ci han­no autor­iz­za­to a uti­liz­zare la palestra di fisi­a­tria di Salò, come avviene dall’87. Il dot­tor Mar­co Fanales, già pri­mario di rian­i­mazione e aneste­sia, coordinerà l’aspet­to sci­en­tifi­co. «I docen­ti (Can­de­loro, Pau­ro, Fil­ip­pi­ni, Coscarel­la, Ziac­chi, Aimo, Monchieri, Evoli, lo stes­so Fanales) sono spe­cial­isti ospedalieri che, da anni, offrono gra­tuita­mente la loro preziosa col­lab­o­razione. In questi anni sono sta­ti cir­ca 1400 col­oro che, superati gli esa­mi finali, han­no con­se­gui­to il diplo­ma di soc­cor­ri­tore. Molti di loro sono entrati nel mon­do del volon­tari­a­to, impeg­nan­dosi nel­la , nei servizi per l’am­bu­lan­za col 118 o a favore del­la terza età. In un ambito sociale dove sof­feren­za, situ­azioni di dis­a­gio o sem­plice­mente di soli­tu­dine richiedono atten­zione, disponi­bil­ità, sen­si­bil­ità e aiuto».

Parole chiave: