Ottimisti per le prossime festività gli operatori riuniti nel Consorzio della Riviera del Garda. Ricco calendario di intrattenimenti. Desenzano e Sirmione: gli esercizi invertono la rotta rispetto al passato

Alberghi, è record di aperture

Parole chiave: - - - -
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Pre­sepi, lumi­nar­ie, mostre, spet­ta­coli e con­cer­ti. Ma soprat­tut­to alberghi e negozi aper­ti. Quest’an­no Sirmione, Desen­zano, e poi Padenghe, Poz­zolen­go e Lona­to, aggre­gati nel Con­sorzio del­la Riv­iera del Gar­da pos­sono final­mente attac­care il cartel­lo «tut­to aper­to» ed offrire così una serie di pro­poste, in alcu­ni casi anche allet­tan­ti, ai vacanzieri di Natale e di . Con pac­chet­ti inter­es­san­ti sot­to l’aspet­to eco­nom­i­co. Per esem­pio gli alberghi di Desen­zano aper­ti a Natale sono 11 e a Capo­dan­no qua­si una venti­na, cioè il doppio. A Sirmione 20 alberghi aper­ti a Natale e a Capo­dan­no ben 33. Un record per la peniso­la sirmionese per­ché, se andi­amo indi­etro di appe­na qualche anno, il numero di stru­ture ricettive al lavoro durante le feste natal­izie si con­ta­vano sulle dita di una sola mano. Un’in­ver­sione di ten­den­za incor­ag­giante per­ché è da tem­po che il dibat­ti­to sul­la «chiusura si, chiusura no» degli eser­cizi com­mer­ciali e degli alberghi durante la bas­sa sta­gione si è aper­to sen­za mai però arrivare ad una svol­ta. Cer­to, han­no com­pi­u­to un pas­so in avan­ti anche le ammin­is­trazioni comu­nali che han­no mes­so mano al portafoglio in alcu­ni casi (come Desen­zano) con l’in­ter­ven­to di spon­sor o deciso di «pedonal­iz­zare» alcune strade (Colom­bare) in occa­sione delle man­i­fes­tazioni natal­izie. Fino al 24 dicem­bre Desen­zano offre il fes­ti­val musi­cale «In-can­ti», al 6 gen­naio la mostra «Un sof­fio di ven­to», l’an­tivig­ilia di Natale il con­cer­to di Natale nel Duo­mo, nel por­to Vec­chio il gal­leg­giante. Padenghe offre alcune inizia­tive tipi­ca­mente natal­izie: Bab­bo Natale il 24 e a San Sil­ve­stro un maxi-veg­lione nel­la palestra comu­nale con buf­fet e musi­ca, con ingres­so gra­tu­ito. Anche a Poz­zolen­go non mancher­an­no i con­sueti cori natal­izi e gli appun­ta­men­ti per ani­mare il lun­go ponte natal­izio: fino al 6 gen­naio mostra dei pre­sepi, il 24 rap­p­re­sen­tazione dei ragazzi delle scuole medie, quin­di una tombo­la­ta nei giorni di fes­ta. Di Sirmione pos­si­amo solo aggiun­gere che la pista di pat­ti­nag­gio res­ta aper­ta fino ad oltre l’, che alla vig­ilia di Natale è pre­vis­to l’ar­ri­vo di zam­pog­nari e degli che offriran­no panet­tone, e cioc­co­la­ta cal­di a tut­ti. Ma, ripeti­amo, quel­lo che des­ta curiosità ed inter­esse è l’al­larga­men­to notev­ole del­la griglia di alberghi che da Natale a Capo­dan­no saran­no con i bat­ten­ti aper­ti. Una strate­gia di «desta­gion­al­iz­zazione» avvi­a­ta alcu­ni anni dal­la Soci­età Terme e sul­la quale era­no in pochi a cred­er­ci. Dopo due o tre anni di stop, con un calo ten­den­ziale del 3–4% di pre­sen­ze, ecco che gli impren­di­tori tur­is­ti­ci han­no inver­ti­to la rot­ta. Ril­e­va Fil­ip­po Fer­né, pres­i­dente del Con­sorzio del­la Riv­iera del Gar­da, che unisce anche relatà pri­vate (con­sorzi alber­ga­tori, asso­ci­azioni, con­sorzio del Lugana, asso­ci­azione moto­scafisti ed altri): «Il nos­tro obi­et­ti­vo è quel­lo di unire le forze e pre­sentar­ci con un bigli­et­to da visi­ta inter­es­sante non solo nel peri­o­do esti­vo ma in tutte le sta­gioni. Abbi­amo anche orga­niz­za­to una serie di incon­tri con la stam­pa estera per dif­fondere la ric­chez­za del­la nos­tra area». Infine, Ade­lio Zanel­li, asses­sore al Tur­is­mo di Desen­zano: «Gra­zie agli spon­sor, come il cen­tro ’Le Vele’ abbi­amo potu­to pro­porre un dicem­bre ric­co di inizia­tive e spettacoli».

Parole chiave: - - - -