Le scuole elementari, medie e superiori del Basso Sarca, oltre a una scuola elementare di Roè Volciano in provincia di Brescia, impegnate in un'attività didattica sui forti della prima guerra mondiale nell'Alto Garda.

Alla scoperta dei forti e fortini

21/06/2000 in Cultura
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

L’an­no sco­las­ti­co appe­na ter­mi­na­to ha vis­to le scuole ele­men­tari, medie e supe­ri­ori del Bas­so Sar­ca, oltre a una scuo­la ele­mentare di Roè Vol­ciano in provin­cia di Bres­cia, impeg­nate in un’at­tiv­ità didat­ti­ca sui for­ti del­la pri­ma guer­ra mon­di­ale nel­l’Al­to Gar­da: sono sta­ti, com­p­lessi­va­mente, 640 gli alun­ni e gli stu­den­ti coin­volti nel­l’inizia­ti­va. Il pro­gram­ma, arti­co­la­to in 30 incon­tri e orga­niz­za­to dal civi­co in col­lab­o­razione con gli Oper­a­tori ambi­en­tali e l’A­gen­zia provin­ciale per l’am­bi­ente, è sta­to con­clu­so con due ricerche di appro­fondi­men­to dei temi trat­tati durante il per­cor­so didat­ti­co: la pri­ma è sta­ta redat­ta dal­la classe quin­ta del­la scuo­la ele­mentare di S. Alessan­dro che ha colto l’oc­ca­sione per allargare il dis­cor­so all’e­so­do del­la popo­lazione trenti­na inizia­to nel 1915 e diret­to soprat­tut­to ver­so Brau­nau in Aus­tria. La ricer­ca è sta­ta coor­di­na­ta dagli inseg­nan­ti Gio­van­na Cal­don­azzi, Daniela Amplatz, Gio­van­na Omez­zol­li e Emanuela Orthelfer e si è avval­sa del­la col­lab­o­razione del­l’in­seg­nante Domeni­co Gob­bi e del­l’­op­er­a­tore ambi­en­tale Dona­to Ric­cadon­na; l’al­tra ricer­ca, ese­gui­ta dalle clas­si terze delle medie Sighele di Riva, ha avu­to come obbi­et­ti­vo la seg­nalazione al sin­da­co e all’am­min­is­trazione comu­nale di Riva del­la situ­azione di degra­do in cui si trovano i for­ti. Il sec­on­do incon­tro di questo pro­gram­ma didat­ti­co svoltosi sul monte Brione al fine di osser­vare le varie fasi costrut­tive dei for­ti, ha per­me­s­so infat­ti di met­tere in evi­den­za l’in­cu­ria e la spor­cizia che occu­pano questi luoghi. Anche il ter­zo incon­tro ha por­ta­to le sco­laresche sul“campo”, a Nago, in visi­ta ai for­ti il cui restau­ro è in dirit­tura d’ar­ri­vo. L’e­si­to pos­i­ti­vo di ques­ta escur­sione, pri­ma nel suo genere in questo luo­go, fa sup­porre che si pos­sa ripetere, val­oriz­zan­do così questo pat­ri­mo­nio di cui il ter­ri­to­rio è dota­to.

Parole chiave: