Consensi per Caterina Grasso di Gardone Vt, che ha scritto un’opera in francese, e per Antonia Marchese che ha vinto la narrativa per l’infanzia. Lo storico si aggiudica la sezione saggistica mentre per la poesia si sono affermati Elio Andriuoli e Antonie

All’Abissinia di Petacco il premio internazionale Città di Salò

18/03/2004 in Cultura
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Arri­go Petac­co, con la sua ulti­ma pub­bli­cazione sul­la guer­ra d’Abissinia, edi­ta da Mon­dadori, ha vin­to la sezione del «Con­cor­so inter­nazionale di e Cit­tà di Salò 2004». Gli altri riconosci­men­ti sono andati al gen­ovese Elio Andri­uoli (sezione poe­sia sin­go­la); alla romana Antoni­et­ta Tafu­ri, per la sil­loge inedi­ta; al par­mense Pier Lui­gi Bac­chi­ni, per la rac­col­ta pub­bli­ca­ta nel­la col­lana “Lo spec­chio”, sem­pre di Mon­dadori; alla lig­ure Rosa Elisa Gian­goia per un roman­zo non anco­ra pub­bli­ca­to. Il tro­feo “Il Gar­da” se l’è aggiu­di­ca­to lo spezzi­no Ignazio Gau­diosi, che ha trascor­so la giovinez­za a Riva. Quel­lo per la ricer­ca stori­co-artis­ti­ca Gian­car­lo Pao­let­ti, di Car­rara, con uno stu­dio sul­la sim­bolo­gia delle cat­te­drali romaniche. Nel­la cat­e­go­ria ris­er­va­ta ai sag­gi di impeg­no civile, suc­ces­so di Ren­zo Luc­ch­esi, di Camaiore (Luc­ca), con una anal­isi sul ruo­lo del­la med­i­c­i­na e la figu­ra del medico. Cosi­mo Fag­giano, di Sal­ice Tal­enti­no (Lec­ce), si è invece impos­to con un stu­dio in lati­no che anal­iz­za gli epiteti con cui Dante si riferisce a Vir­gilio nel­la “Com­me­dia”. Tere­sa Elia, di Biton­to (Bari), ha preval­so nel sag­gio didat­ti­co, gra­zie a un lavoro sui poeti ingle­si, svolto con i suoi stu­den­ti. La salo­di­ana Anto­nia March­ese ha vin­to nel­la nar­ra­ti­va per l’in­fanzia; il bolog­nese Gabriele Astolfi nel­la sati­ra. Numerose le opere in lin­gua straniera. Lus­inghieri i con­sen­si ottenu­ti da Viviane Ciampi, di Gen­o­va, e Cate­ri­na Gras­so, di Gar­done Val Trompia, in francese; di Enrique Par­ma, di Pari­gi, in spag­no­lo; da Toni Stockl di Merch­ing (Ger­ma­nia) in tedesco; da Sofia Tsaluchidu, res­i­dente a Bologna, in gre­co; e dal gio­vane Euge­nio Gamer­ro, di Ivrea (Tori­no), in inglese. Per ogni sezione sono sta­ti inoltre asseg­nati pre­mi ai minori di 18 anni, e riconosci­men­ti par­ti­co­lari. Il con­cor­so inter­nazionale, sostenu­to dal comune, dal­la , dal Trenti­no Alto Adi­ge, dalle Provin­cie di Bres­cia e Tren­to, dal­l’Apt, dal­la Cam­era di Com­mer­cio, ha ottenu­to l’al­to patrona­to del Pres­i­dente del­la Repub­bli­ca, seg­no del­la con­sid­er­azione per il lavoro svolto nel­la prece­dente edi­zione. La col­lab­o­razione del Ban­co di Bres­cia, del Cred­i­to Coop­er­a­ti­vo di Bedi­z­zole-Tura­no Valvesti­no e del­la casa editrice Ibiskos ha con­tribuito al con­segui­men­to di uno stra­or­di­nario suc­ces­so, con più di 750 con­cor­ren­ti, di ogni parte d’I­talia, del­la Svizzera, del­la Fran­cia, del­la Ger­ma­nia, del­la Gre­cia, degli Sta­ti Uni­ti e perfi­no uno del Mada­gas­car. La giuria era com­pos­ta da Gian Car­lo Molignoni, pres­i­dente, Giuseppe Benel­li, Rina Gam­bi­ni, Flavio Men­go­ni, Alessan­dro Qua­si­mo­do, figlio del poeta Pre­mio Nobel, Lucio Pisani, Gui­do Zavanone, Gior­gio Bar­beri Squarot­ti e l’eu­ropar­la­mentare ed ex min­istro Enri­co Fer­ri. Le pre­mi­azioni si svol­ger­an­no saba­to 20 e domeni­ca 21 mar­zo, nel­la Sala dei Provved­i­tori del Palaz­zo munic­i­pale, sul lun­go­la­go di Salò.

Parole chiave: