Mentre il presidente dell’Unione annuncia un piano per l’informatizzazione dei servizi

Allegri:«La Valtenesi?Diventi un solo comune»

13/05/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Grazioli

L’U­nione dei Comu­ni del­la Valte­n­e­si è a cac­cia di un fon­do regionale per avviare un impor­tante proces­so di infor­ma­tiz­zazione. L’ul­ti­ma sedu­ta con­sil­iare del 28 aprile tenu­tasi a Polpe­nazze ha dato il via lib­era alla preparazione di un prog­et­to da pre­sentare al Pirellone per avere acces­so a nuovi finanzi­a­men­ti. Nel­l’oc­ca­sione, inoltre, il pres­i­dente e sin­da­co di Padenghe Gian­car­lo Alle­gri ha espres­so un impor­tante parere: in dieci anni i sei Comu­ni del­l’U­nione potreb­bero fondersi.ATTUALMENTE la Regione stanzia già 60mila euro, ora sarà fat­ta una richi­es­ta per un altro con­trib­u­to di cir­ca 100–140mila euro annu­ali per cinque anni a par­tire dal 2009. L’o­bi­et­ti­vo è real­iz­zare un sis­tema infor­ma­ti­vo che col­leghi gli uffi­ci, affinché tut­ti gli sportel­li pos­sano accedere alle stesse infor­mazioni. Questo prog­et­to di infor­ma­tiz­zazione dei servizi del­l’U­nione sarà sti­la­to al cos­to di 19mila euro dal­la Globo srl di Berg­amo. La soci­età per la prog­et­tazione e la real­iz­zazione di sis­te­mi infor­ma­tivi geografi­ci ha già segui­to un centi­naio di Comu­ni bresciani.La del­la Valte­n­e­si sarà il pri­mo servizio di pro­va: archivi­azione elet­tron­i­ca, rete wi-fi e tele­camere. Tut­to questo però è anco­ra in fase di dibat­ti­to, per­ché la giun­ta del­la Valte­n­e­si ha solo dis­pos­to alcu­ni ind­i­rizzi. La sedu­ta è sta­ta occa­sione, come da ordine del giorno, di dibat­ti­to per le col­lab­o­razioni e con­sulen­ze. L’o­bi­et­ti­vo è avere uffi­ci cen­tral­iz­za­ti, ma «non pos­si­amo per fusione fred­da pren­dere gli uffi­ci esisten­ti e met­ter­li a lavo­rare assieme», ha com­men­ta­to Alle­gri. Per evitare temu­ti sovrac­carichi di per­son­ale in ques­ta fase tran­si­to­ria si fan­no solo assun­zioni a tem­po deter­mi­na­to, fino al 31 dicem­bre. Nel caso del­la Polizia i con­trat­ti per la sta­gione esti­va sono fino al 31 otto­bre, ma c’è la dif­fi­coltà nel reperire per­son­ale. Solo tre posti su sei sono sta­ti occupati.TUTTA la Polizia locale dei Comu­ni è con­flui­ta in quel­la del­la Valte­n­e­si e nel peri­o­do esti­vo aumenter­an­no pat­tuglie not­turne e risorse. Pao­lo Rosa, con­sigliere di mino­ran­za di San Felice, è sod­dis­fat­to per gli inves­ti­men­ti fat­ti nel­la Polizia, per­ché «la micro­crim­i­nal­ità è un prob­le­ma in grande svilup­po ora per­cepi­to anche in Valte­n­e­si, dove fino a qualche tem­po fa non c’era». Par­lan­do di rispar­mi, Alle­gri ha espres­so un parere per­son­ale, che indub­bi­a­mente in futuro sarà ogget­to di dis­cus­sione: «Pen­san­do alle tasse pagate dai cit­ta­di­ni, ai trasfer­i­men­ti statali e al cos­to dei servizi, cre­do che in due man­dati il risul­ta­to pos­sa essere le fusione dei sei Comu­ni in un uni­co con­siglio, una sola giun­ta. Dieci anni fa ave­va­mo risorse che ora non abbi­amo e tra cinque ne avre­mo anco­ra meno, è nec­es­saria una razionalizzazione».

Parole chiave: