Alpini: un’annata generosa dedicata agli altri

19/12/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Bilan­cio lus­inghiero quel­lo del Grup­po di Sirmione, guida­to dal­l’in­stan­ca­bile Giulio Sterza. In un anno di opere e inter­ven­ti di sol­i­da­ri­età le penne nere sirmione­si sono arrivate a quo­ta 210, a cui si aggiun­gono 55 sim­pa­tiz­zan­ti. Durante l’anno han­no orga­niz­za­to per benef­i­cen­za lot­terie e cene, lavori e man­i­fes­tazioni un po’ dap­per­tut­to las­cian­do un seg­no tan­gi­bile del loro impeg­no. Nel novem­bre del­lo scor­so anno è sta­to con­seg­na­to un asseg­no di un mil­ione come con­trib­u­to alla Fan­fara Alpina Monte Suel­lo. A sono sta­ti donati panet­toni all’ e alla Casa di Riposo di Desen­zano, quin­di all’Anf­fas di San Mar­ti­no del­la Battaglia e ai 52 bam­bi­ni del Cen­tro del­la Croce Rossa di Salò, dove le suore si pren­dono cura di loro. Alla famiglia Briso­lati di Cavri­ana, che assiste ben 30 bam­bi­ni, sono sta­ti donati panet­toni, un quin­tale di riso ed uno di pas­ta, oltre a mez­zo mil­ione di lire. Tra dicem­bre e mar­zo scor­so, gli alpi­ni han­no orga­niz­za­to gare di brisco­la con ric­chi pre­mi, men­tre ai bam­bi­ni dis­abili di Gomel, col­pi­ti dal­la nube tossi­ca di Cer­nobyl, sono sta­ti con­seg­nati 17 quin­tali di pas­ta e 2 lavel­li in acciaio inox del val­ore di alcu­ni mil­ioni. Molte, come dice­va­mo, le inizia­tive benefiche orga­niz­zate: aiu­ti alla Croce Rossa di Salò, ai Frati Camal­dole­si del­l’Er­e­mo di Gar­da (Vr), la pre­sen­za ai cam­pi­onati di scher­ma per dis­abili di Desen­zano e alla crono­tap­pa Sirmione-Salò del 3 giug­no. «Desidero ringraziare — ha det­to Giulio Sterza — ami­ci e sim­pa­tiz­zan­ti che han­no parte­ci­pa­to con abne­gazione ai lavori svolti a favore dei bisog­nosi. Vor­rei inoltre esprimere riconoscen­za a don Ser­gio, par­ro­co di Lugana, che è socio alpino, al diret­ti­vo del­la Monte Suel­lo e al suo pres­i­dente Fabio Pasini».

Parole chiave: -

Commenti

commenti