Amor di lago fa nascere «Il Timone»

Di Luca Delpozzo

Ha idee e pro­poste chiare la nuo­va asso­ci­azione cul­tur­ale nau­ti­ca «Il Tim­o­ne», pre­sen­ta­ta uffi­cial­mente dal pres­i­dente Ginet­to Pol­loni. «Dob­bi­amo divul­gare cul­tura e sportiv­ità nau­ti­ca sul Gar­da — ha det­to Pol­loni pre­sen­tan­do il nuo­vo cir­co­lo — sen­za obi­et­tivi politi­ci per­son­ali, che non abbi­amo. Inten­di­amo al con­trario essere utili alla comu­nità, cui siamo legati uni­ta­mente da inter­es­si sportivi. Fra di noi ci sono appas­sion­ati e rap­p­re­sen­tan­ti di diverse dis­ci­pline come il nuo­to di fon­do, canoa a più voga­tori, pic­co­la vela, kayak e, inoltre, esper­ti di med­i­c­i­na sporti­va o costrut­tori di barche. Ci legano l’amore per il lago e lo sport,all’insegna del­l’am­i­cizia». Fra gli scopi del­la nuo­va asso­ci­azione la volon­tà di real­iz­zare un por­to a sec­co per un’ot­tan­ti­na di barche e incen­ti­vare la a vela o con natan­ti non inquinan­ti per tute­lare la salute del lago. In tal sen­so si pro­muover­an­no una serie di incon­tri con la per trovare un per­cor­so comune. Un altro argo­men­to del lago, che molti volu­ta­mente igno­ra­no ma che è diven­ta­to un prob­le­ma è quel­lo del pro­lif­er­are degli ani­mali acqua­tivi. «Cig­ni ed ana­tre sono cer­ta­mente bel­li a ved­er­si — dice il pres­i­dente — ma bisogna sapere che le loro impu­rità ormai inquinano por­ti e spiagge,creando incon­ve­ni­en­ti san­i­tari a tur­isti e bag­nan­ti». Ser­gio Mari