L'Assessore provinciale Silvia Razzi presenta il nuovo punto d'accoglienza turistica:

Salò inaugura il suo nuovo ufficio I.A.T.

14/08/2013 in Attualità, Turismo
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

L’Asses­sore , insieme al Sin­da­co Bar­bara Bot­ti e al Pres­i­dente CARG Davide Calder­an, ha inau­gu­ra­to il nuo­vo pun­to d’ac­coglien­za tur­is­ti­ca di Salò: “Impor­tante tra­guar­do per pro­muo­vere al meglio la ric­chez­za del pat­ri­mo­nio del­la nos­tra provin­cia”

Anche a Salò riflet­tori pun­tati sul nuo­vo uffi­cio I.A.T.: l’Asses­sore alla Cul­tura e al Tur­is­mo del­la Provin­cia di Bres­cia Sil­via Razzi annun­cia l’aper­tu­ra di quest’al­tro nuo­vo pun­to di infor­mazione tur­is­ti­ca, che garan­tirà, in ques­ta local­ità molto rino­ma­ta del­la riv­iera garde­sana, loca­tion e servizi all’al­tez­za del­l’im­por­tante com­pi­to che si trovano a dover svol­gere queste strut­ture.

Entu­si­asti il Sin­da­co, Bar­bara Bot­ti e Davide Calder­an, Pres­i­dente del CARG, il Con­sorzio che rag­grup­pa una cinquati­na di oper­a­tori di Salò e di Gar­done Riv­iera: entram­bi sono d’ac­cor­do nel dichiarare che “l’am­mod­er­na­men­to dei servizi e la col­lab­o­razione con gli enti pub­bli­ci non pos­sono che gio­vare al man­ten­i­men­to di un’of­fer­ta tur­is­ti­ca di pri­ma qual­ità”.

Gli uffi­ci I.A.T. sono un sig­ni­fica­ti­vo bigli­et­to da visi­ta del ter­ri­to­rio, e rap­p­re­sen­tano uno sno­do di fon­da­men­tale rilie­vo per il poten­ziale tur­is­ti­co del­la zona in cui sono sit­uati, in con­tin­ua cresci­ta, e pro­prio per questo “la loro impor­tan­za è ampia­mente riconosci­u­ta dal­l’Ente Provin­cia”, comu­ni­ca l’Asses­sore Razzi.

iat salò 002Il pat­ri­mo­nio cul­tur­ale e nat­u­ral­is­ti­co del­la cit­tà e del­la regione del lago di Gar­da in gen­erale eserci­tano una forte attrat­ti­va su tur­isti ital­iani e stranieri, che apprez­zano, oltre all’am­bi­ente, anche i servizi offer­ti dal ter­ri­to­rio: pro­prio gra­zie al coin­vol­gi­men­to di tut­ti gli oper­a­tori pub­bli­ci e pri­vati del­la zona questi uffi­ci assolvono l’im­por­tante com­pi­to di ren­dere migliore la per­ma­nen­za dei vis­i­ta­tori. Ques­ta sin­er­gia tra uffi­ci I.A.T. ed enti pub­bli­ci e pri­vati, che si man­i­fes­ta attra­ver­so profi­cue col­lab­o­razioni, ha anche lo scopo di dare vis­i­bil­ità ad alberghi, ris­toran­ti, musei, bar, ed ogni altro eser­cizio, asso­ci­azione o ente lega­to al tur­is­mo. Gra­zie all’in­con­tro di tutte queste realtà si è real­iz­za­to il prog­et­to di ristrut­turazione del­l’in­tera rete I.A.T. bres­ciana: con una veste più mod­er­na e fun­zionale, come un logo rin­no­va­to, una nuo­va inseg­na e touch screen, i nuovi uffi­ci san­no rispon­dere alle esi­gen­ze di chi desidera pas­sare un sog­giorno con­fortev­ole nel­la regione.

L’inizia­ti­va mira a pro­muo­vere il ric­co pat­ri­mo­nio del ter­ri­to­rio garde­sano, impor­tante meta tur­is­ti­ca da tute­lare come bene prezioso e insos­ti­tu­ibile, fonte di ric­chez­za sia sul piano eco­nom­i­co che su quel­lo cul­tur­ale.

Parole chiave: