Antica Geografia di Rivoltella e San Martino — XVIII

Parole chiave:
Di Redazione
Amelia Dusi

Punto focale d’orientamento S. Biagio

Val del Sole (o del Soglio su antiche carte) – Pic­co­lo altopi­ano degradante pos­to a sud del­la torre di S. Mar­ti­no, fino all’antica chiesa di S. Don­ni­no, ora com­ple­ta­mente trasfor­ma­to da este­si impianti di vigneti e can­tine. La foto del­la torre di S. Mar­ti­no, che spun­ta da un cam­po di papaveri rossi, non è attual­mente più fat­tibile pro­prio per i vigneti che han­no sop­pi­anta­to i campi colti­vati a gra­no o for­ag­gio. (vedi foto)

Varone - Casci­na Varù, oltre la fer­rovia, svoltan­do a sin­is­tra del sot­topas­so fer­roviario del­la Pigna.

Vil­la Ven­ga - Pro­pri­età degli Arrighi poi delle sorelle Bertani — oltre che vil­la padronale anche grande casci­na con annes­sa una chieset­ta ded­i­ca­ta a S. Maria Assun­ta, aper­ta al cul­to nel 1746 e fun­zio­nante fino al 1970 cir­ca, quan­do i Bertani cedet­tero la pro­pri­età. Vi lavo­rarono i Ven­turi. Lun­go il vici­no Rio Ven­ga anco­ra durante la guer­ra si pesca­v­ano le bose e i gam­beretti di fiume. Durante la guer­ra fu costru­ito un rifu­gio, dove si ripar­a­vano i con­ta­di­ni del­la zona. La casa ave­va un’ampia aia dove si face­va sec­ca­re il fru­men­to.

Ven­ga Vicen­zoni - Casci­na a monte del Rio Ven­ga in direzione S. Loren­zo.

Cano­va Tracagni - Casci­na di S. Mar­ti­no pres­so S. Don­ni­no.

Vil­la Tracagni – Rinom­i­na­ta dai france­si dopo il 1859 sulle loro carte Con­tra­ca­nia per stor­piatu­ra del nome vil­la dei “con­ti Tracagni” (cont Tracagn in bres­ciano). È pos­ta sul colle dove poi ver­rà edi­fi­ca­ta la Torre di S. Mar­ti­no. Fu raf­fig­u­ra­ta in diver­si quadri ele­giaci del­la battaglia del 24 giug­no, pos­ta com’era sull’altura dife­sa dagli Aus­triaci per tut­ta la gior­na­ta dai sette reiterati e san­guinosi assalti dei Piemon­te­si. Solo dopo la fine del tem­po­rale, oltre le 17, quan­do le truppe del Feld­mares­cial­lo Lud­vic August von Benedek iniziarono la riti­ra­ta per ordine di Francesco Giuseppe, fu con­quis­ta­ta con l’ultimo attac­co dai Piemon­te­si. Già dei con­ti Tracagni, poi di Bon­mar­ti­ni che sposò una erede Tracagni, dopo la sec­on­da guer­ra mon­di­ale, per fal­li­men­to finanziario di Bon­mar­ti­ni fu ven­du­ta, assieme a qua­si tutte le cascine ed ai ter­reni attorno, a Lui­gi Aquili­ni, orig­i­nario di Travaglia­to ed espa­tri­a­to in Cana­da alla fine del­la guer­ra dove fece una grande for­tu­na. (vedi foto- Con­tra­ca­nia in un mare di vigneti con il Gar­da e il monte inneva­to)

Villi­no Tracagni - pic­co­lo edi­fi­cio già pres­so la stazione di S. Mar­ti­no del­la Battaglia ora sop­pres­sa.

Zanet­ta - Casci­na tra Maio­lo di sopra e Maio­lo di sot­to.

Alla fine di ques­ta cam­mi­na­ta tra Riv­oltel­la e S. Mar­ti­no ringrazi­amo tut­ti col­oro che han­no for­ni­to notizie preziose ed i let­tori che vi han­no presta­to una qualche atten­zione.

Pri­ma pub­bli­cazione il: 15 May 2020 @ 10:43

Parole chiave: