Dopo le sollecitazioni di uno storico, sarà completata la ricollocazione dei monumentali blocchi di pietra. Saranno accompagnate da una lapide che ne perpetuerà la storia

Antiche porte ai piedi del castello

17/10/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Lonato

Dopo una lun­ga atte­sa, sarà por­ta­to final­mente a com­pi­men­to in questi giorni il recu­pero degli ulti­mi bloc­chi di pietra che anti­ca­mente cos­ti­tu­iv­ano le «porte» di ingres­so di Lona­to. Gli ulti­mi bloc­chi, due per la pre­ci­sione, giac­ciono nel gia­r­dinet­to del «gio­co del pal­lone» (la striscia di ter­ra col­lo­ca­ta fra la Chiesa del Cor­lo e la col­li­na sul­la quale si affac­cia il bas­tione nord del Castel­lo) fuori da qual­si­asi log­i­ca di con­ser­vazione. Osval­do Pip­pa, un cit­tadi­no par­ti­co­lar­mente atten­to alla sto­ria lonatese, ave­va più volte sol­lecita­to con tan­to di let­tere a pro­to­col­lo (l’ultima è data­ta 22 luglio 2002) un inter­ven­to ripara­tore da parte dell’Amministrazione comu­nale. «Il mio invi­to ha il solo obi­et­ti­vo — spie­ga Pip­pa — che non vada dis­per­so il nos­tro pat­ri­mo­nio stori­co. La ven­ten­nale pro­pos­ta di recu­pero delle porte di Lona­to ha avu­to risposte sig­ni­fica­tive dal 2000 con l’erezione in piaz­za Cor­lo di due parziali colonne e con la col­lo­cazione all’interno del Par­co del­la Roc­ca di quat­tro seg­men­ti delle porte. «Non si capisce quale è sta­to il moti­vo che ha fat­to col­lo­care i rima­nen­ti bloc­chi di pietra nell’area chia­ma­ta gio­co del pal­lone. Se si vol­e­va evitare la dis­per­sione dei reper­ti di ques­ta inter­es­sante pag­i­na stor­i­ca lonatese, anche questi ulti­mi bloc­chi di mar­mo avreb­bero dovu­to essere rac­colti con gli altri nel Par­co del Castel­lo… «In un’assemblea degli Ami­ci del­la pre­sen­ti anche respon­s­abili dell’istituzione stes­sa, è sta­to deciso che i pilas­tri delle porte saran­no mar­cati con una lapi­de che li pre­sen­terà ai vis­i­ta­tori. La con­ser­vazione e il recu­pero delle emi­nen­ze storiche lonate­si (porte, mura, edi­fi­ci, mon­u­men­ti…) sono un doveroso impeg­no del­la nos­tra comu­nità per tra­man­dare questi sen­ti­ti val­ori alle future gen­er­azioni.…». Il seg­nale, come det­to, è sta­to rac­colto, e fra pochi giorni anche gli ulti­mi mar­mi dis­per­si tro­ver­an­no casa ai pie­di del­la Roc­ca Viscontea.

Parole chiave: