Si assesta a 22 miliardi e 376 milioni il bilancio d'esercizio del 1999, con un incremento di circa 3 miliardi e mezzo, pari al 18.5% rispetto all'anno precedente,

Approvato il Bilancio d’esercizio 1999

Di Luca Delpozzo

Si ass­es­ta a 22 mil­iar­di e 376 mil­ioni il bilan­cio d’e­ser­cizio del 1999, con un incre­men­to di cir­ca 3 mil­iar­di e mez­zo, pari al 18.5% rispet­to all’an­no prece­dente, approva­to all’u­na­nim­ità dal­l’Assem­blea dei soci con­vo­ca­ta l’al­tra sera per dis­cutere, oltre che del bilan­cio anche di altri impor­tan­ti pun­ti all’or­dine del giorno com­pre­sa la sur­ro­ga di un con­sigliere dimis­sion­ario rin­vi­a­ta al prossi­mo settembre.Particolarmente impor­tante anche la doman­da, accol­ta all’u­na­nim­ità, avan­za­ta dal comune di Poz­zolen­go, di entrare a far parte del Con­sorzio . Una richi­es­ta ritenu­ta da tut­ti i soci assai incor­ag­giante vis­to, tra l’al­tro, che è ques­ta la sec­on­da richi­es­ta di ingres­so (la pri­ma lo scor­so anno da parte di Cal­vagese del­la Riv­iera) avvenu­ta in pochissi­mo tem­po e che por­ta a 20 i comu­ni ader­en­ti oltre alla Provin­cia di Brescia.Per quan­to riguar­da il Bilan­cio del­l’e­ser­cizio 1999 va det­to che lo stes­so ha chiu­so con un atti­vo di 500 mil­ioni sce­so poi, dopo le imposte, a 75 mil­ioni e 366 mila lire con un val­ore del­la pro­duzione di oltre 18 mil­iar­di. “Un trend pos­i­ti­vo — ha affer­ma­to il Con­sigliere Quechia nel cor­so del­la sua relazione — di rap­i­da aper­tu­ra del mer­ca­to nei diver­si servizi con la con­tes­tuale cresci­ta di com­pet­i­tiv­ità degli oper­a­tori già pre­sen­ti e i nuovi, spes­so rap­p­re­sen­tati da soci­età di gran­di dimen­sioni. La dinam­ic­ità che si è venu­ta ad atti­var­si inter­es­sa anche l’Azien­da Spe­ciale del Gar­da Uno che, nel cor­so del 199, ha avvi­a­to un pro­gram­ma di inizia­tive con­fluite, oltre all’avvio del­la trasfor­mazione in SPA, in due strut­ture soci­etarie: nel cam­po del risparmio ener­geti­co attra­ver­so un Con­sorzio fra “Gran­di Uten­ti” (, , Cane­va, Franke, Clin­i­ca Ped­er­zoli, ecc), e nel cam­po ambi­en­tale con speci­fi­co rifer­i­men­to all’at­tiv­ità di com­postag­gio del­la frazione umi­da dei rifiu­ti e del­la frazione “verde”, con la soci­età BIOCICLO cos­ti­tui­ta assieme alla TEA (la munic­i­pal­iz­za­ta di Man­to­va) e la INTDEPCAST di Castiglione”.Un anno di “sostanziale con­sol­i­da­men­to delle attiv­ità” è sta­to in più occa­sione defini­to il 1999 con il com­ple­ta­men­to di inizia­tive pro­gram­mate nel 1988. Nel set­tore del­la rac­col­ta Rifiu­ti Soli­di Urbani il per­son­ale imp­ie­ga­to è sal­i­to dalle 39 unità di fine ’98 alle 56 di fine ’99 (92 unità com­p­lessive nel­l’in­tera strut­tura azien­dale) con un vol­ume di quan­tità rac­colte, com­pren­si­vo del­la “”, sal­i­to ad oltre 50.000 ton­nel­late annue.Ottima anche la situ­azione riguardante la Ges­tione Inte­gra­ta del­la acque che vede l’ade­sione, già delib­er­a­ta, da parte del­la stra­grande mag­gio­ran­za dei comu­ni-soci. Nuovi even­ti favorevoli all’Azien­da stan­no con­sol­i­dan­dosi in questi giorni con­fer­man­do la cres­cente fidu­cia sia dai soci con­sol­i­dati che da nuovi ingres­si. Anche la Provin­cia di Bres­cia, oltre che ad aver mes­so a dis­po­sizione un finanzi­a­men­to per l’ac­quis­to di un nuo­vo bat­tel­lo spazz­i­no tagli­aal­ghe, ha anche imple­men­ta­to lo stanzi­a­men­to per la pulizia del lago. Inoltre “ha pro­pos­to una con­ven­zione, stip­u­la­ta con l’Azien­da lo scor­so mar­zo, con la quale ci viene affida­to — spie­ga il pres­i­dente del Con­sorzio Gui­do Maru­el­li — l’in­car­i­co di pro­cedere alla prog­et­tazione, costruzione ges­tione del sis­tema di col­let­ta­men­to fog­nario iner­ente l’al­to lago, stanzian­do un con­sis­tente contributo”.