La VIIª edizione della rassegna andrà in scena, a Peschiera del Garda, dal 6 al 10 dicembre

Arilica Antiqua — Tracce del Tempo

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Dal 6 a 10 dicem­bre, nell’ormai col­lauda­to spazio espos­i­ti­vo del Sot­totet­to del­la Caser­ma d’Artiglieria di Por­ta Verona, a Peschiera del Gar­da, si ter­rà la VIIª edi­zione di “ARILICA ANTIQUA — Trac­ce del Tem­po”, mostra mer­ca­to che i collezion­isti e gli appas­sion­ati d’antiquariato non vor­ran­no perdere, poiché la rasseg­na si pro­pone come vero gioiel­lo nel set­tore, sia per la sug­ges­ti­va loca­tion, sia per la cura degli alles­ti­men­ti che, soprat­tut­to, per le inter­es­san­ti pro­poste dei ven­ti anti­quari selezionati prove­ni­en­ti da tut­ta Italia.L’edizione inver­nale si dis­tingue, com’è ormai tradizione per ARILICA, per la sua dimen­sione natal­izia e per la sua avvol­gente atmos­fera. Gli spazi espos­i­tivi, infat­ti, saran­no allesti­ti come vere dimore, in cui ambi­en­ti ed arre­di d’epoca evocher­an­no la magia di un d’altri tem­pi, offren­do al vis­i­ta­tore, anche al più esi­gente, ele­gan­ti pro­poste da collezion­is­mo e orig­i­nali idee rega­lo. Un modo nuo­vo, dunque, per scegliere doni preziosi per i pro­pri cari, per la casa o per se stes­si, assis­ti­ti sem­pre con corte­sia e com­pe­ten­za dagli anti­quari presenti.E se non si vuole pen­sare all’antiquariato solo in ter­mi­ni di arreda­men­to, ARILICA ANTIQUA diven­ta un’occasione ghiot­ta per con­clud­ere buoni affari ed inter­es­san­ti inves­ti­men­ti per tut­ti col­oro che vedono nell’arte un bene sicuro, lon­tano dalle flut­tuazione del mer­ca­to azionario. Non è un caso che le gran­di dinas­tie eco­nomiche, gli isti­tu­ti ban­cari e molti investi­tori, si riv­ol­gano al mon­do dell’arte, sia anti­ca che con­tem­po­ranea, per avere un cap­i­tale garan­ti­to nel tempo.Per sod­dis­fare tutte queste esi­gen­ze, ARILICA ANTIQUA offrirà ai suoi vis­i­ta­tori un vas­to ven­taglio di pro­poste. Tra le curiosità di ques­ta VIIª edi­zione sono sicu­ra­mente da seg­nalare due dip­in­ti, un raf­fi­natis­si­mo bozzet­to di Mosè Bianchi ed un raris­si­mo olio di Fed­eri­co Faruffi­ni, entram­bi esposti nel­lo spazio del sign­or Luc­chet­ti di “Anti­chità La Quer­cia” di Castel­laro Lagusel­lo (MN). Por­cel­lane Mais­sen, classe ed ele­gan­za nel­la tavola, si potran­no trovare da Patrizia Bigar­di di “L’Ottocento e din­torni” (Verona), men­tre provo­cazioni d’arte e ten­den­ze d’arredo nel­lo stand di Pao­lo Cristani­ni (Verona) diven­tano temi di dis­cus­sione e pro­poste da inte­ri­or designer.ARILICA non dimen­ti­ca nem­meno la van­ità, per cui spazio ai desideri più preziosi con “Rosy Bleu Gioiel­li” (Firen­ze). La sto­ria del tap­peto e dell’arazzo, poi, è ben rap­p­re­sen­ta­ta da Ven­turi Tap­peti d’Arte (Verona), men­tre per quan­to riguar­da i mobili si va dal sei­cen­to ai pri­mi del nove­cen­to, pas­san­do attra­ver­so sec­oli, stili, mode e nazioni diverse, il tut­to passeg­gian­do comoda­mente sot­to gli archi del Sot­totet­to del­la Caser­ma d’Artiglieria.Di fronte alla magia di mobili, tap­peti, dip­in­ti, gioiel­li, por­cel­lane ed argen­ti, ARILICA ANTIQUA diven­ta così “preziosa” e la bellez­za e l’eleganza diven­tano le parole chi­ave per entrare nel suo mon­do incantato.Organizzata e cura­ta dall’Associazione Cul­tur­ale Artidea, patro­ci­na­ta dal­la , dal­la Provin­cia di Verona, dal Comune di Peschiera del Gar­da e dall’Ordine degli Architet­ti del­la Provin­cia di Verona, la mostra avrà momen­ti d’intrattenimento tra degus­tazioni e “chi­ac­chiere d’arte”, nell’inconfondibile stile di quest’evento che pone al cen­tro del­la ker­messe il vis­i­ta­tore, le sue curiosità ed i suoi con­sapevoli “capricci”.Orari di aper­tu­ra: mer­coledì 6 e giovedì 7 dicem­bre 15.30 / 20.00 — ven­erdì 8, saba­to 9 e domeni­ca 10 dicem­bre 10.00 /20.00. Inau­gu­razione mer­coledì 6 dicem­bre, ore 17.00.Info: Asso­ci­azione Cul­tur­ale Artidea — Tel. 347.534.8998; Uffi­cio Man­i­fes­tazioni Tur­is­mo, Comune di Peschiera del Gar­da — Tel. 045.640.2385.

Parole chiave: -