Il sottotetto della caserma di artiglieria di Porta Verona si prepara ad ospitare, da sabato al 25 aprile, la sesta edizione di «Arilica antiqua,

«Ariliqua antiqua» Mercatino e mostra storica

Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Il sot­totet­to del­la caser­ma di artiglieria di Por­ta Verona si prepara ad ospitare, da saba­to al 25 aprile, la ses­ta edi­zione di «Aril­i­ca anti­qua, trac­ce del tem­po: mostra mer­ca­to dell’antiquariato» orga­niz­za­ta dall’associazione cul­tur­ale Artidea e patro­ci­na­ta da Regione, Provin­cia, Comune di Peschiera e dall’Ordine degli architet­ti di Verona. La rasseg­na è sta­ta pre­sen­ta­ta dall’assessore provin­ciale alla cul­tura popo­lare e iden­tità vene­ta Mat­teo Bra­gan­ti­ni, che ha così moti­va­to il patrocinio: «L’iniziativa ha un pro­fon­do legame con il ter­ri­to­rio e le sue tradizioni. Basti pen­sare che molti degli ogget­ti oggi con­siderati d’antiquariato si trova­vano nelle case dei nos­tri non­ni; face­vano parte del­la quo­tid­i­an­ità, pezzi uni­ci per­ché real­iz­za­ti arti­gianal­mente». Ste­fa­nia Ver­ità e Pao­la Sime­one di Artidea han­no illus­tra­to le pecu­liar­ità di ques­ta edi­zione di Aril­i­ca anti­qua. «La mostra prin­ci­pale pre­sen­ta una venti­na di espos­i­tori prove­ni­en­ti da tut­to il ter­ri­to­rio nazionale. Un numero volu­ta­mente pic­co­lo, per con­sen­tire al pub­bli­co di avere un con­tat­to vero e diret­to con il mon­do dell’antiquariato. Questo é il nos­tro obi­et­ti­vo», ha det­to Ver­ità, «e l’esposizione stes­sa è sta­ta pen­sa­ta in modo da accom­pa­gnare il vis­i­ta­tore in una sor­ta di per­cor­so attra­ver­so il mon­do anti­co e la sua arte». Due gli even­ti col­lat­er­ali che com­ple­tano la rasseg­na: «Il gia­rdi­no si veste d’antico», ded­i­ca­to agli arre­di antichi per esterni con l’allestimento di un gia­rdi­no del ’700; «I maestri del ’900», sezione di arte mod­er­na. «Vi tro­ver­an­no spazio opere pit­toriche, gra­fiche e scul­ture di maestri del cal­i­bro di Arman, Fontana, Rotel­la, De Chiri­co, Vedo­va, Mari­ni, Schi­fano, Tur­ca­to. Un’occasione», ha con­clu­so Pao­la Sime­one, «per conoscere anche l’arte e la cul­tura con­tem­po­ranea e per vedere quan­to ques­ta pos­sa felice­mente con­vi­vere con l’arte anti­ca». Aril­i­ca anti­qua viene inau­gu­ra­ta saba­to alle 11; la mostra resterà quin­di aper­ta sino a mart­edì 25, con orario 10 — 20. L’ingresso é libero.