Pittura e poesia insieme in un omaggio alla cultura. Oltre 100 creativi alla prima edizione del Focardi

Arte, un premio di successo

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Una cer­i­mo­nia di pre­mi­azione all’altezza del­la cir­costan­za ha manda­to in archiv­io la rius­ci­tis­si­ma pri­ma edi­zione del pre­mio di pit­tura e «Pietro Focar­di — Padenghe: Tra lago e castel­lo». L’evento, volu­to e orga­niz­za­to dall’assessorato alla Cul­tura di Padenghe guida­to da Ornel­la Franchi Giu­radeo, ha vis­to la parte­ci­pazione di oltre 100 artisti prove­ni­en­ti da ogni parte d’Italia. La con­seg­na dei pre­mi è avvenu­ta nel­la comu­nale, ed è sta­ta accom­pa­g­na­ta dalle note del­la ban­da cit­tad­i­na di Salò. Il sin­da­co Gian­car­lo Alle­gri ha innanz­i­tut­to ringrazi­a­to il suo asses­sore alla Cul­tura, e poi si è riv­olto ai parte­ci­pan­ti che han­no dec­re­ta­to il suc­ces­so dell’iniziativa. Ma vedi­amo l’elenco dei migliori. Il pri­mo pre­mio per la sezione pit­tura è anda­to a Simon­et­ta Cor­ni­ani per l’opera «Vista di Padenghe dal castel­lo». La Cor­ni­ani vive e lavo­ra a Bres­cia, e ha allesti­to la sua pri­ma per­son­ale nel 1988. A Dario Cav­al­leri è anda­to il sec­on­do pre­mio per la tela «Sen­za tito­lo». Nato a Paitone, l’autore vive e lavo­ra a Prevalle e dipinge dal 1973. Terza piaz­za per Giuseppe Amadei con l’opera «Prime luci a San Emil­iano». Alessan­dro Cor­si ha invece dom­i­na­to la sezione poe­sia: pri­ma del pre­mio garde­sano, l’autore ave­va già rice­vu­to riconosci­men­ti nazion­ali e inter­nazion­ali. Dopo la con­seg­na dei pre­mi più impor­tan­ti, l’assessore alla Cul­tura ha dis­tribuito a tut­ti i cre­ativi pre­sen­ti alla cer­i­mo­nia una brochure che rac­coglie le ripro­duzioni di tutte le migliori opere pit­toriche alter­nate alle poe­sie pre­mi­ate. Insom­ma, un omag­gio ben rius­ci­to a Pietro Focar­di, un artista che nel sec­o­lo scor­so ha trascor­so oltre 30 anni a Padenghe.

Parole chiave: -