Festa grande per gli artiglieri della sezione di Pozzolengo, che oggi 3 dicembre celebrano la festa di Santa Barbara, la cui ricorrenza è in calendario domani.

Artiglieri, festa per S. Barbara

03/12/2000 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo
s.st.

Fes­ta grande per gli artiglieri del­la sezione di Poz­zolen­go, che oggi 3 dicem­bre cel­e­bra­no la fes­ta di San­ta Bar­bara, la cui ricor­ren­za è in cal­en­dario domani. Non è molto chiaro come la san­ta di Nico­me­dia, mar­t­i­riz­za­ta nel 200 d.c. sia diven­ta­ta patrona di chi lavo­ra con il fuo­co o maneg­gia gli esplo­sivi. L’ipotesi più accred­i­ta­ta è che il suo carnefice — il padre del­la san­ta, che non le avrebbe per­do­na­to di esser­si con­ver­ti­ta alla reli­gione cris­tiana -, dopo aver commes­so l’or­ren­do delit­to (moz­zò la tes­ta alla figlia, sec­on­do la leggen­da), ten­tò di fug­gire inor­rid­i­to, ma un ful­mine lo incenerì e il ven­to dis­perse i suoi resti. Da sec­oli la vergine S. Bar­bara di Nico­me­dia è la patrona di artiglieri, genieri, mari­nai, mina­tori, vig­ili del fuo­co, arti­ficieri. E il ter­mine «santabar­bara» è entra­to nell’uso comune per indi­care un depos­i­to di esplo­sivi. Ma veni­amo alla tradizionale fes­ta del 3 dicem­bre. Come al soli­to sem­plice il pro­gram­ma, che prevede il ritro­vo degli artiglieri alle ore 10; quin­di seguirà la sfi­la­ta del cor­teo per le vie del paese e la depo­sizione di una coro­na d’alloro al mon­u­men­to ai cadu­ti. Alle 11 ver­rà cel­e­bra­ta la mes­sa nel­la chiesa par­roc­chiale in suf­fra­gio dei cadu­ti e dei defun­ti. Alle 12.30 l’immancabile pran­zo al ris­torante «La Muraglia».