Sabato e Domenica, nella splendida cornice della Rocca di Lonato del Garda, le ultime due notti magiche di Lonato in Festival

Artisti di strada e incanti dal mondo a Lonato del Garda

06/08/2016 in Attualità
Di Redazione

Artisti di stra­da, cir­co con­tem­po­ra­neo, burat­ti­ni, acro­bati, trapezisti, musi­ca e grup­pi etni­ci prove­ni­en­ti da più par­ti del mondo.
I sug­ges­tivi spazi del­la Roc­ca faran­no da pal­cosceni­co a tan­ti artisti come i The Black Blues Broth­ers, grup­po di acro­bati Keni­oti con le loro incred­i­bili pirami­di; dal­la Spagna Jesus Fornies, vir­tu­oso del­la gio­co­le­ria con i pal­loni da cal­cio; dall’Argentina Cirque Tan­go con il loro mix di acrobazie aeree e tan­go argenti­no; Simone Alani vinci­tore nel 2015 di Italia’s Got Tal­ent;  il Cir­co Paniko gio­vane e affer­ma­ta com­pag­nia circense ital­iana; il fachi­ro man­gias­pade Mar­co Car­donaBub­ble on Cir­cus con le loro stra­bilianti bolle di sapone; Mar­co RaparoliIl Grande Mago Barn­a­ba, Luca Chiere­ga­to con Chied­i­mi una sto­ria; E.Arth Cir­cus prog­et­to di cir­co sociale che riu­nisce gio­vani artisti del Fekat Cir­cus di Addis Abe­ba; allievi delle scuole A. Galante Gar­rone di Bologna e Redi­vi­ta di Rimini.

Per la musi­ca, la trasci­nante Roy­al Cir­cus Ostri­ca, la musi­ca etni­ca e d’autore dal­la Puglia con i Rad­i­can­to, il sound mul­tiet­ni­co dei Safar Mazì, il Mat­teo D’Incà trio, l’incredibile con­cer­to Musiche per cicale, dove un trio acus­ti­co si esi­birà inter­a­gen­do con le cicale del par­co. Infine, i burat­ti­ni e le mar­i­onette di Lucia Osel­lieri e La Fabi­o­la.

Non mancher­an­no i lab­o­ra­tori per i bam­bi­ni di gio­co­le­ria e di costruzione di burat­ti­ni, tenu­ti da Il Grande Mago Barn­a­ba e Lucia Osel­lieri e le ser­ate a bal­lo per gli appas­sion­ati del Tan­go Argenti­no e del Latino.

Su preno­tazione, i per­son­ag­gi vis­su­ti real­mente nel­la Casa del Podestà, con­dur­ran­no il pub­bli­co alla scop­er­ta del­la sto­ria, dei seg­reti e dei tesori cul­tur­ali del­la , con teatral­iz­zate di grande fas­ci­no, con­dotte dai gio­vani attori del­l’As­so­ci­azione Ami­ci del­la Fondazione.

Saran­no inoltre pre­sen­ti spazi relax con ambi­en­tazioni par­ti­co­lari, come la zona ded­i­ca­ta al Salone da tè marocchi­no, e per acquisti orig­i­nali e di qual­ità: Pangea, il mer­cati­no che mette insieme tut­ti i con­ti­nen­ti, con ban­car­elle di spezie, pro­fu­mi, ceramiche e ogni sor­ta di arti­giana­to, con arti­giani e artisti.

Per sod­dis­fare il pala­to, accon­tentan­do tut­ti i gusti, ver­ran­no allesti­ti un ris­torante veg­ano e uno tradizionale e vari stand di degus­tazione con arrostici­ni, pan­noc­chie arros­tite, crepes, gelati, mace­donie, frul­lati, bir­ra e prodot­ti locali.

Ma la fes­ta non finisce con gli spet­ta­coli in Roc­ca… ma con il DopoFestival!
Saba­to e Domeni­ca, dalle 23.30 in piaz­za Mat­teot­ti, ci ritro­ver­e­mo a fare fes­ta con gli artisti.
Il Mago Barn­a­ba aprirà al ser­a­ta che con­tin­uerà con la musi­ca coin­vol­gente del Trio Mat­teo D’In­ca (saba­to) e dei Rad­i­can­to (Domeni­ca).
Un appun­ta­men­to imperdi­bile per gli irriducibili che han­no voglia di fare fes­ta e conoscere gli artisti, che si è reso pos­si­bile gra­zie alla col­lab­o­razione con il Comune di Lona­to e con l’As­so­ci­azione Com­mer­cianti Lonatesi.