Il bel monotipo, ideato da Ettore Santarelli, presenterà il suo calendario ricco di manifestazioni

Asso, la barca nata sul lago di Garda

Di Luca Delpozzo

Asso ambasciatore del Garda. Il primo evento sarà legato al «Nauticshow» di Montichiari, in programma dal 19 febbraio. Il bel monotipo, ideato da Ettore Santarelli, presenterà il suo calendario ricco di manifestazioni con il Garda ancora al centro dell’attenzione grazie al Campionato d’Europa inserito nella 100 Week del Circolo Vela Gargnano (e la 50ª Centomiglia velica del 2-3 settembre), a cavallo tra la fine di agosto ed i primi di settembre, il Campionato italiano a Desenzano, dal 6 al 9 luglio. L’ultima annata si era chiusa con la grande festa (con «guest star» Giovanni Soldini) ospitata nelle sale della Agricar di San Zeno che con Mercedes e Fina ha supportato il circuito internazionale di questa bellissima carena. Nel 1999 l’Asso è andato su è giù per l’Europa. Ha proposto la sua flotta. Ha coinvolto i più titolati skipper. Ha portato sulle sue vele il logo «lago di Garda». La serata Agricar ha voluto consegnare gli importanti traguardi raggiunti dagli skipper e dagli armatori. Il segretario della classe italiana, il bresciano Cesare Pasotti, ha anche anticipato i temi di questa annata. Oltre ai due campionati benacensi il «tour» internazionale accanto ad Austria, Germania e Svizzera, vedrà protagonista la riviera Romagnola con il Trofeo Santarelli in programma a Rimini a metà aprile. A maggio affiancherà nuovamente gli organizzatori del convegno madernese: «Navigando nel grande mare della solidarietà». Quanto ai premi 1999 la piacevole sorpresa è stato il team di «Old Simo», l’Asso desenzanese condotto da Bruno Fezzardi che con i suoi amici, tutti rigorosamente «Under 50», si è portato a casa il titolo di Campione zonale del Garda. Ha preceduto i due team gargnanesi dei fratelli Giovannini e Silvioli- Soardi- Rezzola. Il titolo di «Asso of the Year» si è tinto di sangue blu grazie al «Koning Ludwig», la barca di proprietà del principe Luitpold di Baviera. Il Campionato d’Europa è andato a Lino Bonomi (timoniere Gio Cassinari), l’Italiano a Gaburri-Dusi-Ferrari (timoniera Niki Celon). Tra le flotte internazionali hanno vinto Luitpold von Bayer (Germania), Silvio Mueller (Svizzera), l’ex gloria dell’olimpico Tornado, Bob Jessenig (Austria), Karl Fonyo (Ungheria), Cico Valenti (Italia), Ciceri (laghi Lario-Verbano). I premi dell’Agricar Mercedes Challenger sono andati al «Simo» di Francesco Valenti e Luca Valerio, altri alfieri della Fraglia Desenzano ed al «Mater-Asso» di Beppe Rossi per l’Associazione Nautica Sebina di Sulzano nella categoria «Gentlemen». L’affermazione di Rossi, apprezzato medico bresciano, ha confermato che l’Asso può essere barca per professionisti ma anche per grandi appassionati. Conferma giunta dal Lario dove il titolo di campione di quel lago è andato a Marco Ghezzi, giudice del pool milanese di «Mani pulite». spell.

s.pell.

Commenti

commenti