Fiera agricola da record

Attesi 10 mila visitatori

26/01/2005 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo
Luca Prandini

Pun­tuale, anche quest’anno tor­na la «Fiera agri­co­la di Calvisano e Sagra del­la Bea­ta Cristi­na» che si svol­gerà da saba­to 12 a lunedì 14 feb­braio. Nell’odierna edi­zione del­la rasseg­na gli spazi espos­i­tivi saran­no garan­ti­ti per oltre un centi­naio di stand, ed è pre­vista una affluen­za di cir­ca 10 mila vis­i­ta­tori. Il tradizionale appun­ta­men­to con la Fiera agri­co­la sarà come con­sue­tu­dine scan­di­to da even­ti e inizia­tive. Intan­to sono già aperte le iscrizioni per l’assegnazione degli stand che si col­locher­an­no lun­go le prin­ci­pali vie del paese, spazi espos­i­tivi che l’Amministrazione comu­nale, in col­lab­o­razione con la Pro loco, ha deciso di ampli­are e poten­ziare, carat­ter­iz­zan­doli con una ripar­tizione set­to­ri­ale. Molti saran­no gli stand ded­i­cati all’artigianato, agri­coltura, enogas­trono­mia, e arreda­men­to. In par­ti­co­lare, l’Amministrazione civi­ca e l’assessorato all’Agricoltura, nell’ambito di una sem­pre più atten­ta val­oriz­zazione dei prodot­ti locali di qual­ità, pre­sen­terà all’interno del­la rasseg­na incon­tri e appro­fondi­men­ti sul mon­do dell’enogastronomia. Questo per fare in modo che la fiera assuma i con­no­tati di una vera e pro­pria vet­ri­na dei prodot­ti d’eccellenza locali. Anche quest’anno il giorno di chiusura, il 14 feb­braio, cor­risponde con la fes­ta patronale del­la Bea­ta Cristi­na. Per Calvisano si trat­ta di un appun­ta­men­to stori­co, che da oltre trent’anni richia­ma i fedeli del­la Bas­sa bres­ciana. La fiera del resto si è sem­pre carat­ter­iz­za­ta per la sua capac­ità di coni­un­gare riven­di­cazioni reli­giose e aspet­ti pecu­liari del mon­do agri­co­lo, delle tradizioni locali. La val­oriz­zazione del­la cul­tura bassi­o­la rap­p­re­sen­ta anco­ra oggi il volano del­la man­i­fes­tazione. Come det­to ci sarà spazio per alcune impor­tan­ti man­i­fes­tazioni di corol­lario come la mostra d’arte real­iz­za­ta con alcu­ni artisti locali. Ci saran­no poi la rap­p­re­sen­tazione dei «vec­chi mestieri» e la mostra del­la fau­na sel­vat­i­ca del ter­ri­to­rio bres­ciano. Per i bam­bi­ni saran­no allesti­ti diver­si spet­ta­coli di intrat­ten­i­men­to, oltre ad uno spet­ta­co­lo etni­co dal tema “Gli Indi­ani d’America, la cul­tura di una civiltà scom­parsa. La macchi­na orga­niz­za­ti­va sta già lavo­ran­do a pieno regime.