Il piano soste, che riguarda 145 posti, non farà favori ai residenti. Sì alle agevolazioni, ma solo per datori di lavoro e i dipendenti

Auto in centro, pagheranno tutti

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Entro la fine di questo mese, 145 posti auto esisten­ti a Desen­zano saran­no sogget­ti al paga­men­to di una tar­if­fa per la sos­ta. E’ la deci­sione pre­sa dal­la Giun­ta del sin­da­co Anel­li l’altropomeriggio, coer­ente­mente con la delib­era del 29 dicem­bre scor­so con la quale l’amministrazione ave­va indi­vid­u­a­to le aree di parcheg­gio del cen­tro stori­co. E come già antic­i­pa­to nell’edizione di ieri, entro pochi giorni saran­no instal­lati i par­cometri, che ver­ra­no gesti­ti e ver­i­fi­cati da tre ausil­iari del traf­fi­co in fase di assun­zione. Ieri sera, alla pre­sen­za dell’assessore Gio­van­ni Venieri e del vicesin­da­co Emanuele Gius­tac­chi­ni, il nuo­vo piano tar­iffe è sta­to pre­sen­ta­to dal con­sigliere Achille Benedet­ti. Dopo aver con­fer­ma­to (del resto era già in bilan­cio) il get­ti­to pre­vis­to per le casse comu­nali (si par­la di almeno un mil­iar­do e 800 mil­ioni), Benedet­ti ha comu­ni­ca­to i nuovi impor­ti del tick­et auto e le agevolazioni pre­viste per i datori di lavoro e i loro dipen­den­ti. Niente da fare, invece, per even­tu­ali favori ai res­i­den­ti; anche per­chè (e la tesi del Comune sem­br­erebbe con­di­vis­i­bile) i 145 posti auto a paga­men­to sono poca cosa rispet­to all’elevato numero di res­i­den­ti nel cen­tro stori­co. Comunque, dal pri­mo feb­braio nei parcheg­gi cus­todi­ti diret­ta­mente dal Munici­pio (in totale 210 con­tro i 620 gesti­ti dal­la Coopsette) la tar­if­fa oraria in vig­ore sarà di 1.500 lire dal pri­mo otto­bre al 31 mar­zo e dalle 9 alle 24, e di duemi­la lire il saba­to e la domeni­ca. Le cose cam­bier­an­no durante la sta­gione tur­is­ti­ca, cioè dal pri­mo aprile al 30 set­tem­bre: dal lunedì al ven­erdì si dovran­no pagare 1.500 lire dalle 9 alle 20, e trem­i­la lire dalle 20 alle 24. Nelle gior­nate di saba­to e domeni­ca bisogn­erà pagare 2.000 lire all’ora dalle 9 alle 20, e anco­ra trem­i­la lire dalle 20 alle 24. Agevolazioni, si dice­va, sono pre­viste per tito­lari di locali, uffi­ci e agen­zie del cen­tro stori­co. L’abbonamento min­i­mo per sei mesi costerà 60 mila lire al mese, cioè duemi­la lire al giorno. Un lavo­ra­tore dipen­dente, invece, pagherà molto meno: 25 mila lire al mese, sem­pre con l’abbonamento min­i­mo vali­do per sei mesi. Sarà pos­si­bile inoltre parcheg­gia­re la vet­tura anche solo per mezz’ora, e in quel caso l’esborso sarà di appe­na 500 lire. Come ha poi osser­va­to Achille Benedet­ti, qua­si 370 posti auto saran­no las­ciati liberi a ridos­so del cen­tro stori­co. Per riepi­log­a­re, le aree soggette a paga­men­to saran­no quelle di via Anel­li, Mara­tona (zona e Fraglia vela, esclusa quel­la con 65 posti in prossim­ità del­la cur­va davan­ti alla Carip­lo), piaz­za Fel­trinel­li e piaz­za Cap­pel­let­ti (ma in quest’ultima si paga già da un decen­nio). Un’ordinanza del sin­da­co di prossi­ma dif­fu­sione fis­serà infine le sanzioni per i trasgres­sori, che si annun­ciano pesanti.

Parole chiave: