La stazione temporanea dei carabinieri si trasferisce in località La Pezza e si liberano così gli spazi per le associazioni

Avis e Aido, la loro sede sarà nelle ex scuole elementari

01/02/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

È uffi­ciale. C’è la delib­era del­la Giun­ta, quin­di ed Aido han­no una nuo­va sede. Han­no ottenu­to dall’amministrazione comu­nale di pot­er uti­liz­zare parte di alcune aule delle ex scuole ele­men­tari di Viale Roma, fino a pochi mesi fa indisponi­bili per­chè uti­liz­zate come stazione tem­po­ranea dei . Con ogni prob­a­bil­ità a Pasqua, inizio uffi­ciale del­la sta­gione tur­is­ti­ca garde­sana, i mil­i­tari occu­per­an­no la nuo­va caser­ma in local­ità La Pez­za, nel­la zona scuole attigua alla Verona-lago. Quel­lo del­la sede era un impeg­no assun­to dal sin­da­co Ren­zo Frances­chi­ni fin dal­la sua elezione. Impeg­no e promes­sa man­tenu­ti. «Siamo vera­mente sod­dis­fat­ti di questo impeg­no pre­so dal­la giun­ta munic­i­pale nel con­seg­nar­ci alcune aule delle ex scuole per alle­stire la nos­tra sede», sot­to­lin­ea il pres­i­dente Gian­ni Fac­ci­oli, «e per sti­pare la nos­tra copiosa doc­u­men­tazione. Vi è una neces­sità anche di uno spazio per riu­nir­ci e piani­fi­care le nos­tre attiv­ità di volon­tari­a­to che a Lazise sono tante. Con­sid­eri che nel 2005 abbi­amo avu­to 727 don­azioni con un incre­men­to di 61 rispet­to al 2004. Un risul­ta­to vera­mente sod­dis­facente». Nel fab­bri­ca­to delle ex scuole di Viale Roma, oltre all’Avis tro­ver­an­no pos­to anche altre asso­ci­azioni. In prim­is l’Aido, la San Mar­ti­no in Calle, l’associazione cara­binieri e altre anco­ra. «Sti­amo facen­do da capofi­la», pre­cisa il pres­i­dente dell’Avis, «per coor­dinare le ade­sioni e il cal­en­dario set­ti­manale di uti­liz­zo dei locali affinchè non vi sia sovraf­fol­la­men­to e che tut­ti pos­sano farne uso in maniera ordi­na­ta e cor­ret­ta. C’è poi da sti­lare un con­trat­to di comoda­to fra le asso­ci­azioni e l’amministrazione e su ques­ta stra­da sti­amo proce­den­do a filo diret­to con il seg­re­tario comu­nale. Il tut­to si dovrebbe con­clud­ere a feb­braio. Siamo vera­mente grati al sin­da­co per lo sfor­zo com­pi­u­to e per l’impegno che ha volu­to pren­der­si per dare modo all’Avis e alle asso­ci­azioni di volon­tari­a­to di pot­er avere uno spazio vitale ed adegua­to per le moltepli­ci attiv­ità che sosten­gono a favore del­la comunità».

Parole chiave: -