Successi a raffica per i ragazzi dai 6 ai 12 anni

Baby campioni della vela: la Fraglia guida la danza

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

II Duemi­la si sta riv­e­lando un anno di grande rilan­cio per l’at­tiv­ità vel­i­ca gio­vanile sul . Qua­si in ogni paese del Bena­co, fre­quen­tan­do le scuole di vela, ci si può imbat­tere in un vivaio di ragazz­i­ni tra i 6 ed i 12 anni che promette bene.E dunque tra qualche anno il set­tore ago­nis­ti­co del­la vela potrebbe con­tate su numerosi cam­pi­oni. Una realtà in espan­sione, forse anche dopo i suc­ces­si inter­nazion­ali di Luna Rossa di Patrizio Bertel­li, espan­sione che si con­fer­ma non solo nel­la nos­tra provin­cia, ma anche nelle restanti province ital­iane. Negli ulti­mi mesi, ad esem­pio, sono arrivati numerosi titoli europei e mondiali.A pre­siedere l’in­tera attiv­ità gio­vanile nazionale è tra l’al­tro un garde­sano, Pao­lo Barz­iza, con­sigliere fed­erale del­la XII Zona del Gar­da e Trenti­no-Alto Adi­ge, nonché respon­s­abile del Grup­po di Lavoro del­la Fiv per le Scuole di Vela nazion­ali ed attiv­ità preag­o­nis­ti­ca. Barz­iza, desen­zanese, è sta­to tra l’al­tro pres­i­dente di suc­ces­so del­la Fraglia Vela Desen­zano pri­ma del­l’at­tuale pres­i­dente Gigi Cabri­ni. Come mai questo boom, chiedi­amo a Barziza?«Tutti i cir­coli veli­ci delle quindi­ci zone, e la nos­tra in par­ti­co­lare — risponde Barz­iza — han­no lavo­ra­to con impeg­no ed entu­si­as­mo, ripor­tan­do innu­merevoli suc­ces­si. Il numero dei tesserati in ques­ta speci­fi­ca fas­cia d’età (tra i 6 e i 12 anni) è aumen­ta­to enorme­mente, anche gra­zie alla sen­si­bil­ità mostra­ta dai pre­si­di e dai diret­tori didat­ti­ci delle scuole».Questo in gen­erale. E sul Gar­da? «Con l’aiu­to del­la Provin­cia di Bros­cia e del­l’asses­sore Alessan­dro Sala — riprende Pao­lo Barz­iza — durante il peri­o­do pri­maver­ile ed esti­vo i cir­coli veli­ci nos­trani sono sta­ti fre­quen­tati da numero­sis­si­mi ragazz­i­ni, avvi­c­i­natisi per la pri­ma vol­ta al mon­do del­la vela».Intanto la Fraglia Vela Desen­zano si lec­ca i baf­fi, gra­zie agli stra­or­di­nari suc­ces­si con­quis­ta­ti dai baby in bar­ca. Per quat­tro anni con­sec­u­tivi, come ricor­da gius­ta­mente Barz­iza, i gio­vani tim­o­nieri han­no vin­to nel­la cat­e­go­ria la Cop­pa Pri­ma Vela del­la pres­i­den­za Fiv, ritenu­ta un vero e pro­prio cam­pi­ona­to ital­iano per gio­vani tim­o­nieri. E allo­ra citi­amoli questi pic­coli «eroi» del­la vela bres­ciana: Mar­co Baruzzi, dì Mader­no, Fabio Zeni, di Desen­zano, Luca Dub­bi­ni, di Mader­no e Joshua Camil­li, di Salò.Ma dal vivaio bres­ciano non stan­no uscen­do solo dei bravi «sin­golisti», ma anche delle affi­atate squadre. Dopo la vit­to­ria del ’98 e il sec­on­do pos­to nel ’99, la squadra del­la Fraglia Vela, for­ma­ta da Nico­la Barz­iza, Pierange­lo Col­lu­ra (vinci­tore lo scor­so anno del Tro­feo Topoli­no), Alessan­dro tozzi, Leonar­do Lupel­li e Fabio Zeni (argen­ti al cam­pi­ona­to ital­iano e quar­to ai mon­di­ali in Spagna), dopo aver vin­to le selezioni di zona, han­no ottenu­to il suc­ces­so anche nel cam­pi­ona­to ital­iano a squadre Opti­mist. Chi sem­i­na, rac­coglie, dice un famoso prover­bio. E infat­ti la Fraglia Vela di Desen­zano è a anni il pri­mo cir­co­lo in Italia per numero di tesserati giovani.Nelle ultime set­ti­mane è poi arriva­to un altro grande suc­ces­so. Nel cam­pi­ona­to ital­iano a squadre svoltasi a S. Cate­ri­na di Nar­do, il team desen­zanese si è aggiu­di­ca­to il pri­mo pos­to con 12 gare su 14, segui­to a ruo­ta da quel­lo di Mader­no (Baruzzi, Con­ti, Dub­bi­ni, Polot­ti e Sco­lari). Intan­to, tra alcu­ni mesi scade il manda­to quadri­en­nale olimpi­co, quali sono i prog­et­ti futuri? «Mi auguro — dice Barz­iza — che si lavori con lo stes­so inten­to sporti­vo, sare­mo quin­di pre­miati dal lavoro fino­ra fat­to. Se mi sarà con­fer­ma­ta la fidu­cia accor­data­mi in questi anni con­tin­uerò con il lavoro intrapre­so negli ulti­mi 4 anni».

Parole chiave: