Sul sito del ministero della Salute le spiagge Madonna della Villa e Spiaggia D’oro risultano vietate

Balneabilità, un rebus

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Povero Desen­zano. Sec­on­do il min­is­tero del­la Salute la “cap­i­tale” del avrebbe due delle sue spi­agge – Madon­na del­la Vil­la e Spi­ag­gia d’Oro, entrambe sit­u­ate nel­la frazione di Riv­oltel­la – «non bal­ne­abili per sta­to di inquina­men­to». Chi­unque, nav­i­gan­do nel sito uffi­ciale del dicas­t­ero del­la San­ità, può ricev­erne con­fer­ma clic­can­do sul link «sta­gione bal­n­eare in cor­so: aggior­na­men­to in tem­po reale». Eppure sec­on­do i bol­let­ti­ni Asl dif­fusi dal mag­gio scor­so la cit­tad­i­na garde­sana può vantare un litorale intera­mente balneabile.Si trat­ta di un difet­to di comu­ni­cazione? Di un errore grossolano commes­so nien­te­meno che dal­la mas­si­ma autorità nazionale in fat­to di Salute? Dal min­is­tero com­pe­tente fan­no sapere a Bres­ciaog­gi che l’elenco delle spi­agge vietate pub­bliche sul sito inter­net è com­pi­la­to in base alle ordi­nanze di divi­eto bal­n­eare invi­ate via fax dai sin­daci, e in base alle anal­isi effet­tuate dall’Arpa. Desen­zano, così come Maner­ba (lido Tor­co­lo), Lona­to (lido) e Padenghe (local­ità Por­to) avreb­bero spi­agge non bal­ne­abili «per l’elevata pre­sen­za di bat­teri fecali reg­is­trati nelle ultime anal­isi e spedite al min­is­tero tra il 17 e il 30 mag­gio 2007».Non è pos­si­bile. Per­ché Desen­zano dal 2005 è per­fet­ta­mente a pos­to, cioè tutte le sue spi­agge – da Madon­na del­la Vil­la, pas­san­do per la Spi­ag­gia d’Oro e pros­eguen­do fino al Desen­zani­no ed al Vò – sono aperte ai bag­ni. «Ma sti­amo scherzan­do? – Esor­disce l’ex sin­da­co Fioren­zo Pien­az­za –: il trat­to di lago che bagna la nos­tra cit­tà è in buona salute, tan­to che io nel 2005 e 2006 non ho mai emes­so alcun divi­eto di preclu­sione ai bag­ni». Altro grossolano errore commes­so dal min­is­tero, sta­vol­ta di natu­ra geografi­ca: Padenghe avrebbe il cen­tro bal­n­eare di Lona­to chiu­so ai bag­ni; la local­ità, in realtà, è sit­u­a­ta nel ter­ri­to­rio comu­nale di Lonato.L’Asl bres­ciana, dal can­to suo, ha sta­bil­i­to sul­la base delle elab­o­razioni for­nitele a suo tem­po dal­la , che nel 2007 sono tre le local­ità precluse ai bag­ni: Lona­to (cen­tro bal­n­eare Lido), Padenghe (local­ità Por­to) e Maner­ba (lido Tor­co­lo) in quan­to nel­la sta­gione prece­dente le stesse spi­agge era­no state ripetu­ta­mente inter­es­sate da prob­le­mi d’inquinamento. Il nome di Desen­zano non si sa, dunque, come e da quale fonte pos­sa essere spun­ta­to. Si trat­ta di un errore? O le anal­isi Asl e min­is­tero han­no paremetri diver­si? La ques­tione è seria: il sito del min­is­tero del­la Salute è quel­lo a cui fan­no rifer­i­men­to i tur­isti, le agen­zie, i media. Una situ­azione penal­iz­zante per la cit­tà e che andrebbe cor­ret­ta per ingiusti dan­ni di immag­ine. Comu­ni ed enti bres­ciani han­no già chiesto la rat­i­fi­ca al min­is­tero? Han­no chiesto la soluzione e la spie­gazione del rebus?

Parole chiave: