Bardolino naufraga e Ichtya di Peschiera si aggiudica la terza psoizione

Bandiera del Lago. Nella tappa di Lazise Garda aggancia Clusanina in testa alla classifica

Di Luca Delpozzo

Gar­da brin­da per la con­quista del pri­ma­to in clas­si­fi­ca che divide con Clu­san­i­na d’Iseo. Bar­dolino da defin­i­ti­va­mente l’addio  alla Bandiera del Lago.  Ques­ta è la del­la ses­ta tap­pa del . Gar­da (Mau­ro Bat­tis­toli, Dario Mengh­in, Lui­gi Girelli, Alber­to Malfer) ha sfrut­ta­to al meglio la pri­ma occa­sione utile e ha rag­giun­to Clu­san­i­na d’Iseo (Mar­co Ghezzi, Francesco Bosio, San­dro Bet­toni, Luca Bet­toni) in tes­ta alla clas­si­fi­ca al ter­mine di una stra­or­di­nar­ia rega­ta. Anche nel­la tap­pa di Lazise, dove ha esor­di­to la nuo­va colon­na sono­ra pre­dis­pos­ta dal­lo staff dell’Olimpia Lazise con a capo Luisa Bar­bazeni, a Gar­da toc­ca la ses­ta cor­sia, quel­la più al largo. Clu­san­i­na, come è suc­ces­so una set­ti­mana fa nel­la gara — allena­men­to di Gargnano, corre in acqua cinque. Allo start partono benis­si­mo Gar­da, Clu­san­i­na e Bar­dolino (Bruno Maf­fez­zoli, Michele Berton­cel­li, Pao­lo Tac­coni, Pier Francesco Maf­fez­zoli) subito dietro di loro Ichtya di Peschiera (Alan Di Caprio, Ste­fano Mazzurega,Franco Cal­dana, David Brus­co). Regi­na Ade­laide di Gar­da (Manuel Sala, Nico­la Sil­vestri, Mir­co Poz­zani, Cris­t­ian Faraoni) e Fos­ca­ri­na di Gar­done Riv­iera (Luciano Bozani­ni, Giu­liano Don, Alessan­dro Ercu­liani, Ste­fano Meri­go) fan­no rega­ta a se e si gio­cano la per­ma­nen­za nel Grup­po A, l’elite del­la . Lago piat­to e com­ple­ta assen­za di ven­to garan­tis­cono a tut­ti i con­cor­ren­ti con­dizioni ide­ali così che il teori­co van­tag­gio di Bar­dolino, a cui è toc­ca­ta la pri­ma cor­sia, quel­la più pro­tet­ta dal­la arie da ter­ra, è annul­la­to. Pro­prio Bar­dolino è costret­ta ad inseguire Gar­da e Clu­san­i­na che gira­no la sec­on­da boa all’unisono, men­tre Ichtya mantiene la terza posizione con la sua con­sue­ta rego­lar­ità di rendi­men­to. Sul­la sec­on­da boa Bar­dolino, che nel frat­tem­po, è rius­ci­ta qua­si ad aggan­cia­re i due bat­tistra­da, rischia, chi­u­den­do in veloc­ità la vira­ta. Pro­prio in questo frangente suc­cede l’irreparabile per l’equipaggio che è sta­to, fino a quel momen­to, la terza forza del cam­pi­ona­to. Per pochi cen­timetri la prua di Bar­dolino s’appoggia con la parte destra, quel­la sbagli­a­ta, sul­la boa che è costret­ta quin­di a doppi­are di nuo­vo. Tutte le altre cinque imbar­cazioni invece riescono ad effet­tuare cor­ret­ta­mente ques­ta manovra e si lan­ciano nel penul­ti­mo lato del per­cor­so (1.432 metri, uno dei più lunghi del Palio). Bar­dolino riparte, inci­ta­ta dal­la fol­la assiepa­ta sul lun­go­la­go, ma gli altri ormai sono a una dis­tan­za siderale. Il duel­lo tra Gar­da e Clu­san­i­na entra nel­la fase cru­ciale sul­la terza boa che pre­cede la vola­ta finale. Gar­da e Clu­san­i­na vira­no assieme come se fos­sero tele­co­man­date. Gar­da però ha qual­cosa in più, sem­bra volare sull’acqua e rema­ta dopo rema­ta “man­gia” a Clu­san­i­na più di metà bar­ca. Il Re del Remo Alber­to Malfer e i suoi ragazzi chi­udono in 6’28” e stac­cano di due sec­on­di Clu­san­i­na (6’30”), cam­pi­one uscente. Otti­ma terza Ichtya (6’32”). Regi­na Ade­laide (6’37”) vince in sci­oltez­za il duel­lo con Fos­ca­ri­na (6’39”). Scon­so­lata­mente ulti­ma Bar­dolino (6’52”) che così da defin­i­ti­va­mente l’addio ai sog­ni di glo­ria e saba­to prossi­mo gareg­gerà nel Grup­po B, la bat­te­ria degli equipag­gi medi. Bar­dolino, nel­la bat­te­ria dei migliori sarà rimpiaz­za­ta da Preon­da (Mat­tia Cam­postri­ni, Daniele Bertasi, Romo­lo Squar­zoni, Ettore Mon­ese), l’altra bis­sa di Bar­dolino che ha vin­to la sfi­da del Grup­po B superan­do in vola­ta Car­mag­no­la d’Iseo. Terza Laci­si­um (Mar­co Maf­fez­zoli, Alessan­dro Zam­boni, Fabio Brunel­li, Sil­vio Scala) la bis­sa di casa. Nel­la sua scia nell’ordine Gar­donese, Monte Iso­la d’Iseo e Stel­la. Nel­la sfi­da del Grup­po C, che ha aper­to la ser­a­ta ago­nis­ti­ca, suc­ces­so di Portesina che ha super­a­to Sant’Angela Meri­ci di Desen­zano, Vil­lanel­la di Gargnano, Cà da Mosto di Sirmione, Parati­co d’Iseo e Bir­ba di Lazise. La clas­si­fi­ca gen­erale vede appa­iate al pri­mo pos­to con 146 pun­ti Gar­da e Clu­san­i­na d’Iseo. Sec­on­da è Ichtya a 141 segue Bar­dolino a 140. Fos­ca­ri­na è quar­ta a 133. Quin­ta piaz­za per Preon­da di Bar­dolino a 130. Saba­to la flot­ta del Palio delle Bisse lascerà il Gar­da per le acque del Sebi­no dove a Iseo, il quarti­er gen­erale di Clu­san­i­na, si cor­rerà la set­ti­ma tap­pa del cam­pi­ona­to del­la Bandiera del Lago.