Barriere antischiuma: per ora i risultati sono incoraggianti

08/10/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Han­no dato risul­tati molto incor­ag­gianti i pri­mi ven­ti giorni di sper­i­men­tazione delle bar­riere anti­s­chi­u­ma poste sul­la super­fi­cie del lago pro­prio di fronte all’us­ci­ta del­la con­dot­ta d’ac­qua del­la cen­trale del Ponale. Benchè l’Enel abbia più volte mes­so in fun­zione gli impianti (con una con­sis­tente cadu­ta d’ac­qua dal­la con­dot­ta forza­ta prove­niente dal lago di Ledro) le schi­ume, di fat­to, non sono mai apparse. C’è da pen­sare che le bar­riere (con­sis­ten­ti in una serie di pan­nel­li tenu­ti ad una pro­fon­dità di cir­ca un metro e dis­posti a cin­tu­ra da una serie di zat­tere) siano rius­cite a far spro­fon­dare quel che bas­ta la poltiglia di microal­ghe cen­trifu­gate che, come è noto, è all’o­rig­ine del­l’or­ren­do fenom­e­no delle schi­u­mate avvis­tate per giorni e giorni nel gol­fo di Riva. Ma Pao­lo Mat­teot­ti, che gui­da le oper­azioni anti­s­chi­u­ma, si mantiene sul cau­to. La prossi­ma set­ti­mana farà togliere le bar­riere e ver­i­ficherà se le schi­ume torner­an­no imme­di­ata­mente. Se così fos­se, sarebbe chiaro che le bar­riere fun­zio­nano. In questo caso si trat­terebbe solo di sos­ti­tuire quelle attuali (ovvi­a­mente arti­gianali) con qual­cosa di ancor più sicuro e affidabile.