Per ora al Comitato basta la «sospensiva» dell'ordine impartito dalla Provincia

Bassetti ricorre al Tar: ripescare il Tenace è impossibile

28/04/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Enzo Bas­set­ti, pres­i­dente del Comi­ta­to Man­i­fes­tazioni Rivane, fa sapere di aver incar­i­ca­to l’avvo­ca­to Clau­dio Malfer di pre­sentare ricor­so al Tar con­tro l’or­dine diram­a­to lo scor­so 6 aprile dal Servizio Comu­ni­cazioni e Trasporti del­la Provin­cia. L’or­dine con­tes­ta­to è quel­lo, decisa­mente per­en­to­rio, di sgomber­are il gol­fo del Lido dal­la car­cas­sa del­l’or­mai famoso pon­tone Tenace, che giace a 30 metri di pro­fon­dità da quan­do (su sol­lecitazione di un altro uffi­cio provin­ciale) è sta­to trasci­na­to al largo da un bat­tel­lo del­la (pri­ma se ne sta­va spro­fonda­to, ma qua­si a pelo d’ac­qua, davan­ti al pon­tile subito a nord del­la Gela­te­ria di Pun­ta Lido).La neces­sità di ricor­rere al Tar — per ottenere in pri­ma istan­za il provved­i­men­to di «sospen­sione» del­l’or­dine e poi, even­tual­mente, vin­cere la battaglia anche nel mer­i­to — è sta­ta det­ta­ta a Bas­set­ti dai ter­mi­ni duris­si­mi del Servizio Trasporti, che minac­cia di provvedere in pro­prio al ripescag­gio del Tenace per poi fat­turare il cos­to del­l’­op­er­azione allo stes­so Comi­ta­to Man­i­fes­tazioni. Sic­come un’im­pre­sa del genere avrebbe un prez­zo proibiti­vo, tale da minac­cia­re l’at­tiv­ità del Comi­ta­to per anni (se non per sem­pre), Bas­set­ti si è trova­to costret­to a cor­rere ai ripari, pur non aven­do smar­ri­to — evi­den­te­mente — la sper­an­za che la ques­tione del Tenace pos­sa essere risol­ta «politi­ca­mente» (cioè las­cian­do­lo dov’è: ingom­brante ma non cer­to uni­co relit­to affonda­to nel­l’im­men­sità del Gar­da). La «sospen­si­va» del Tar è dunque un pri­mo tra­guar­do. Il sec­on­do potrebbe essere quel­lo che si sta­bilis­ca che il «cada­v­ere» non dà fastidio.

Parole chiave: