Nuoto targato Aics A Desenzano volano gli atleti bergamaschi

Ben 1.800 i partecipanti al meeting

30/01/2001 in Sport
Di Luca Delpozzo

Gran­di numeri per il tro­feo Aics «Cit­tà di Desen­zano». La quin­ta edi­zione del­la man­i­fes­tazione nata­to­ria si è trasfor­ma­ta in una due giorni da record, con­fer­man­dosi la gara più impor­tante in Italia per la cat­e­go­ria Mas­ter. Al ter­mine di una lun­ga serie di prove, tra i ben 1.800 nuo­ta­tori parte­ci­pan­ti è emer­sa la As Berg­amo nuo­to, che è rius­ci­ta a super­are le numerose soci­età prove­ni­en­ti da diverse regioni d’Italia e dall’estero. Alle spalle dei vinci­tori berga­m­aschi, che han­no scrit­to il loro nome nell’albo d’oro del «Cit­tà di Desen­zano» al pos­to del Nuo­vo nuo­to impos­tosi lo scor­so anno, sono finite la As Nuo­to Bologna, la Dds, Rinasci­ta team Romagna e As Europa 92; la As Mas­ter Aics Bres­cia si è piaz­za­ta al nono pos­to in clas­si­fi­ca gen­erale, su un totale di 107 soci­età parte­ci­pan­ti. Una con­fer­ma del liv­el­lo rag­giun­to dal­la man­i­fes­tazione desen­zanese è arriva­ta poi dalle numerose cat­e­gorie in gara, e dai tem­pi di rilie­vo sia in cam­po nazionale sia in quel­lo inter­nazionale. Qualche altro nome? Andrea Toia, nei 50 dor­so m60, e Clau­dia Can­gel­li, nei 100 far­fal­la m50, han­no offer­to le migliori prestazioni assolute in cam­po maschile e fem­minile. Ma con loro ci sono molti altri nuo­ta­tori: Mas­si­m­il­iano Gial­di, Sil­via Paroc­chi, Andrea Toia, Kous Marzena, Annari­ta Blosi, Donatel­la Mag­o­ni, Rena­ta Mar­t­ing, Rena­ta Hal­berg e Daniele Kor­men­di. Il comi­ta­to orga­niz­za­tore, per finire, ringrazia la Fed­er­azione ital­iana nuo­to, la stam­pa e le tele­vi­sioni per la col­lab­o­razione. Le pre­mi­azioni si sono svolte alla pre­sen­za del pres­i­dente Mario Gre­go­rio, del pres­i­dente nazionale Ascagni, dell’assessore provin­ciale allo Sport Alessan­dro Sala e del col­le­ga desen­zanese Garagna, affi­an­cati da Rober­ta Morel­li, pres­i­dente regionale Aics, Mario Vit­to­ri­ali dell’As Mas­ter Aics, e da Bruno Pesca­tori, diri­gente Aics Brescia.